home page patterns

A pochi giorni dalla pubblicazione del pattern, la mia tunica Tsugumi vanta già numerose preferenze e un manipolo di coraggiose che ha deciso di onorarmi con la messa in attesa del pattern.

Riuscirò a vederne qualcuna realizzata o lo Tsugumi seguirà la stessa triste sorte de Il Coperchio del mare? No, perché se è così posso anche evitare la faticaccia di scrivere le spiegazioni ;-)

Il link lo trovate cliccando qui: 1


HONEST~1_thumb

 

 

Si va bene, lo ammetto, io non partecipo mai volentieri agli effetti collaterali derivanti dall’assegnazione dei premi, ma questa volta lo faccio per lei, perché sennò quando ritorna dalla sua vacanza e non trova il mio post pubblicato è capace di praticarmi l’agopuntura con il suo prode uncinetto.

Dunque, il regolamento prevede la descrizione di sé in 10 punti, attraverso una sorta di “forse non tutti sanno che” scelti fra curiosità, lati oscuri e piccole manie quotidiane. Siccome stamattina sono particolarmente pigra ho deciso che risponderò a tono ai suoi, perché spesso le amiche non hanno poi così tanto in comune pur andando d’amore e d’accordo.

  1. ho sempre ritenuto di avere una voce quasi infantile, ma nel corso degli anni mi son dovuta ricredere a seconda dei giudizi che altri ne hanno dato. C’è chi la ritiene squillante, chi allegra, chi calda e sensuale, chi mi dice che non tradisco alcun particolare accento e chi invece mi scambia per foggiana, pur non avendo mai avuto alcun tipo di contatto con quella città.
  2. sono profondamente testarda, se qualcosa mi appassiona sono capace di dedicarmici appassionatamente anima e corpo, isolandomi per giorni dal resto del mondo. Se poi l’obiettivo è di quelli importanti accetto la sfida e non mi fermo fin quando non ho ottenuto il risultato sperato. Ovviamente non sempre succede, specialmente nella mia professione, ma quella – purtroppo – non dipende solo da me.
  3. a causa del punto 2 non ho orrori da occultare, tutto deve essere perfetto, altrimenti viene riciclato e convertito in un progetto più consono.
  4. ho uno spirito zen, credo di essere stata un samurai in una precedente vita. Amo tutto ciò che è semplice, lineare, perfetto nella sua imperfezione, originale nella sua unicità. Sogno di vestire kimoni di seta e di sedermi all’ombra di un ciliegio in fiore per contemplare le bellezze del creato.
  5. se vincessi all’ipersuperenalotto comprerei una masseria immensa per me e i miei genitori, piena di verde, di fiori, di acqua, di un piccolo gregge per la SOLA autoproduzione di lana e formaggio, con un posto privilegiato per Bella e Kitty, ovviamente.
  6. detesto le stoviglie che sanno di detersivo per piatti, di qualsiasi fragranza esso sia.
  7. sono timida e introversa, una sottospecie di orso insomma. Studio molto le persone prima di potermi fidare di loro e forse anche per questo passo per snob e antipatica. La cosa a volte mi fa anche piacere, vi dirò.
  8. ho un pessimo rapporto con i nomi e le facce delle persone, soprattutto se non nutro il minimo interesse. La chiamano memoria selettiva.
  9. il mio colore preferito è il viola, in tutte le sue varianti.
  10. l'eroe che preferisco è Erode, sono convinta che ai suoi tempi abbia svolto un ruolo fondamentale per il sano sviluppo della società liberandola da marmocchi frignanti e pestiferi. Poi ho scoperto che era anche un mio collega, per cui il feeling è assicurato. Ovviamente sto scherzando, ma forse no.

Considerando che gran parte delle blogger da nominare mi sono già state indebitamente sottratte, concluderei assegnando brillantemente il premio a chiunque voglia appropriarsene passando da qui.


La mia settimana di sferruzzamenti, coccole materne, orecchiette e bagni in Puglia sta per volgere al termine. Approfittando del tempo libero a disposizione e della mia fotografa preferita sono riuscita a portare a termine un paio di progetti che avevo cominciato prima di partire da Trieste, inclusa una new entry cucita - questa volta -  a macchina. Ma andiamo con ordine.

DSCN3293

Cominciamo col Lala’s Simple Shawl, lo scialle che avrei voluto più lungo se solo avessi avuto il buon senso di acquistarne un gomitolo in più. Ma si sa, contro il destino c’è poco da fare…anzi no, bisogna aguzzare l’ingegno e dar via ad un barbatrucco.

DSCN3292

E’ bastato un semplice bottone, di quelli conservati per anni della merceria casalinga perché prima o poi sarebbe arrivato il suo momento…dicevo, un bottone per fissare le sue estremità dietro la schiena ed ecco il Lala’s trasformarsi in un comodissimo coprispalle, molto utile per il tour quotidiano dei supermercati dove le temperature sono generalmente polari.

DSCN3284

Nel frattempo ho continuato l’esperimento del topdown con la scollatura a V. Questo modello è stato un vero work in progress, ho cambiato idea sulle sue sorti fino alla fine: inizialmente voleva essere una sorta di kimono – da cui il nome Tsugumi scelto per il pattern – poi però mi sono accorta che il cotone, bellissimo per carità, era poco consistente e i due davanti del modello si sarebbero appesi senza dignità; alla fine ho optato per una semplice tunica dritta, un disegno base che mi riservo di arricchire e modificare in seguito, magari anche per realizzare dei miniabiti in lana per i primi freddi.

DSCN3287

Le rifiniture sono come sempre affidate a dei semplicissimi giri in maglia a legaccio, le maniche sono molto corte e sui due bordi laterali ho realizzato uno spacchetto per rendere la tunica più morbida sui fianchi. 

DSCN3295

E dulcis in fundo la mia nuova passione, il cucito, questa volta supportata dalla macchina per cucire materna.  Non ho seguito alcuno schema particolare, ho tagliato forme nella stoffa, le ho assemblate imbastendole a mano, ho fatto tesoro della esperienza con la precedente pochette – cerniera lampo in testa – e alla fine ho cucito il tutto velocemente, cercando di non farmi scoraggiare dal filo che si spezzava o dalla linea di punti che non veniva su troppo dritta. Il mio nuovo porta-lavoro è praticamente perfetto, ed ora sono pronta per tuffarmi in tasche portaoggetti, forme complesse e, perché no, anche in un paio di borse.