L’architetto italiano che ha ispirato la mia maglietta Rarefacta, Massimiliano Fuksas, ha recentemente inaugurato i suoi Archives Nationales a Pierrefitte-Sur-Seine, Saint Denis, Parigi. 
L’edificio che ospita gli Archivi è un imponente monolite le cui facciate sono rivestite da una pelle di
alluminio che percorre tutto il volume, fatta eccezione per alcune inserzioni vetrate che consentono l’apporto di luce naturale negli ambienti interni.


 (immagine tratta dal blog di Mario Cerere)

La lavorazione della t-shirt si ispira alla geometria a losanga che si ripete nel rivestimento dell’edificio, sviluppando un motivo costante che si addensa su un fianco per poi rarefarsi verso l’altro, liberandosi in un delicato gioco di trafori.


Non lasciatevi scoraggiare dall'apparente complessità della lavorazione. La maglietta è realizzata in tondo partendo dal basso - ma con qualche accortezza potete anche lavorarla in piano cucendo poi il davanti al dietro - e segue gli schemi che troverete all'interno delle istruzioni: dopo i primi giri di impostazione sarà la geometria stessa del motivo a zigzag a guidarvi fra aumenti e gettati.


Per la sua realizzazione ho scelto il bellissimo filato Panama di Rowan distribuito da Coats, molto leggero e scorrevole, a patto però che si utilizzino ferri dalle punte arrotondate per evitare di aprirne i capi che lo compongono.


L'idea di realizzare una maglietta semplice nel modello ma particolare nella lavorazione l'ho avuta fin da subito, mentre mi tornavano in mente alcuni disegni dell'architetto Frank Lloyd Wright che aveva lavorato molto sul tema della losanga. Poi l'incontro con Fuksas e la voglia di ricreare questo movimento che facesse trasparire la luce, proprio come avviene in ambienti come la biblioteca degli archivi. E infine la scelta difficile del nome, perchè una maglietta così mica potevo chiamarla Archivi Nazionali no?
Per fortuna sono arrivati in soccorso alcuni principi della percezione visiva, in particolare quelli dell'addensamento e della rarefazione. La losanga si addensa su un fianco, realizzando una texture più compatta, e tende a rarefarsi verso l'altro, liberandosi nei più complessi trafori.

Come sempre il modello è disponibile gratuitamente nella sezione pattern di Crowdknitting per tutto il mese di Luglio.
Buon sferruzzo!



Durante la trasmissione Psycho Filmer, mentre mi accingevo a recitare il solito luogo comune "più in basso di così si può solo risalire", la mia amica Barbara mi ha spiazzata col suo cinico "oppure si può continuare a scavare".
É una frase che ho fatto mia in questi giorni, fatta di termometri, notti insonni, antibiotici, dottori e guardie mediche. Un virus democratico ha colpito la mia famiglia, a partire da Simone, passando attraverso me per poi concludere in bellezza con mio marito. Adesso ci rido su, con la mia solita autoironia, ma sono stati giorni duri in cui ho messo in discussione tantissime cose e persone.
E la tentazione di mandare all' aria tutto é stata forte, davvero.
Eppure sono ancora qui, con il mio nuotare controcorrente, con i miei sogni, con la voglia di diventare grande, col mio sbraitare.


Simone ha inaugurato la stagione degli scavi all' aria aperta, probabilmente sognando di trovare il fossile di un dinosauro vissuto milioni di anni fa.
Io nel frattempo ho concluso il mio lavoro per il nuovo pattern che uscirà a Luglio in collaborazione con Crowdknitting e Coats. É stato difficile riuscire a mettere ordine fra le tante suggestioni che hanno ispirato il mio disegno, i grandi architetti continuano a sfornare opere meravigliose ed io vorrei esser capace di catturarle tutte per tradurle in maglia.


Mi piacerebbe poter lavorare un po' di più a maglia, ma le giornate sono sempre più afose e rendono impossibile anche maneggiare il cotone.
A dir la verità ho realizzato un Dustland in merino per Simone, da indossare durante il prossimo autunno, ma ero sotto gli effetti psichedelici della febbre, non fa testo.
Nel frattempo le nuvole cominciano ad arrivare sui miei trulli, chissà che il preannunciato temporale non porti un po' di fresco e di rinnovata voglia di fare.




IMG_3378

Finiti i festeggiamenti e passato il frastuono, ritorno alla mia dimensione silenziosa, cullata dal sole che finalmente riscalda queste giornate primaverili e dai profumi della mia campagna.

L’anno scolastico di Simone si avvia pian piano a conclusione ed io inevitabilmente faccio dei bilanci, pensando alla sofferenza – più mia che sua – dei primi giorni e alla disinvoltura – più sua che mia – delle ultime settimane. Sta crescendo senza che io me ne renda conto e questo per me è una sorta di miracolo della natura.

Ho riflettuto tanto su ciò che è accaduto negli ultimi tempi ed ho avuto ancora una volta la conferma che la strada intrapresa, per questa e tante altre scelte, è quella giusta. Restando soprattutto stretta alle persone care e diffidando delle amicizie entusiaste dell’ultima ora.

Lo scrivo indossando per un attimo le Twin Socks  che ho disegnato appositamente per Sonia, la mia gemella diversa. Le calze sono apparentemente uguali, eppure a guardarle bene sono diverse. Ma stanno bene insieme, così come io e lei.

Buon weekend!


A volte la sera, quando tutti siamo già a letto e la stanchezza mi impedisce anche di leggere, mi diverto a fare sogni ad occhi aperti. Ultimamente ho visto troppi progetti a cui tenevo particolarmente andare in frantumi, così la mia personale terapia per cancellare la tristezza è fantasticare, volare alto, osare più di quanto nella vita quotidiana faccia in realtà.

Uno di questi sogni era arrivare almeno nella prima pagina degli hot righ now di Ravelry. Per chi non fosse pratico del sito, la hot right now è una classifica dei pattern più cliccati fra tutti quelli caricati nel suo immenso database. Questo non vuol dire necessariamente che il pattern in cima sia il più bello in assoluto, ci sono vari parametri che influiscono sulla sua posizione, come le visualizzazioni, i faves, l'inserimento nei thread dei vari gruppi e così via.

E insomma, per farla breve, sono arrivata qui:


Essere seconda va davvero oltre ogni mia più rosea aspettativa. 
E sono tanto felice!
Grazie di cuore a tutti.