Gennaio, settimana #1

Nonostante l'entusiasmo con cui ho iniziato a registrare i vari episodi del mio podcast, durante l'anno appena trascorso ho avuto poche possibilità di aggiornare il canale, come avrete potuto notare anche voi.
Da una parte c'è stato una sorta di distacco che ha coinvolto me e buona parte dei canali che seguivo (ma di questo magari ne parleremo un'altra volta), dall'altra l'oggettiva difficoltà a registrare un "prodotto" che - oltre ai contenuti - sia anche "esteticamente" piacevole.
Insomma, cosa pensereste di un vlog con atmosfera plumbea, sfondo di padelle e ospite in disordine? Personalmente scapperei a gambe levate e so per certo che lo fareste anche voi.
Scherzi a parte, quello che cerco di dire è che mi piacerebbe essere più presente ma non sempre la vita quotidiana lo rende possibile. Vorrei millantare una vita serena passata fra gomitoli e tisane profumate allo zenzero, ma la dura realtà è che ultimamente assomiglio più a Cesira la Talpa.
Ho pensato in questi giorni a qualcosa che potesse aiutarmi a "comunicare" senza necessariamente avere il vincolo del video e, siccome i podcast audio mi annoiano, ho deciso di riprendere in mano, per L'ENNESIMA volta, il mio vecchio blog Knittingcakes.
Senza dilungarmi troppo in promesse varie, veniamo subito al sodo: come avete trascorso queste vacanze?
Io nella maniera più semplice e serena possibile, dividendomi fra fornelli, gomitoli, coccole familiari e qualche pennichella in più.


Ho iniziato a foderare il nostro vecchio divano, per ora limitandomi al bracciolo, utilizzando tutti i vecchi gomitoli sparsi nei vari contenitori. Mi piacerebbe riuscire a farlo in tempi brevi, ma l'impresa è titanica e credo che l'unico modo per non renderla "pesante" sia farlo a tempo perso, magari con un quadrotto ogni tanto da unire man mano.
Il nuovo look granny mi ha aiutata ad esercitarmi con l'uncinetto che, come ben sapete, non utilizzo così spesso e bene come i ferri, anche in previsione di realizzare lo scialle Traccia di cui vi posterò qualche foto nei prossimi giorni.

Ma il primo vero progetto del 2022 è il Buccaneer, uno scialle triangolare asimmetrico molto semplice ma di grande effetto estetico.
In questo periodo non ho grande pazienza e, sebbene lo scialle preveda l'utilizzo di varie matasse in diversi colori per enfatizzare l'effetto onda, ho pensato che avrei dovuto mettere in ordine tutte le codine ... così ho scelto un filato cosiddetto "long stripes" che provvedesse da solo a "simulare" il cambio di tonalità con le sue sfumature.
A me l'effetto ottenuto piace molto e sto già pensando di acquistare un altro paio di gomitoli - probabilmente con base ottanio - per realizzarne un altro.
Questo almeno nei miei "piani di conquista del mondo", come dice la mia amica Claudia.
Ci riuscirò? Staremo a vedere! 

Commenti

  1. Ciao Giusy mi piace molto anche il blog, basta seguirti. Elaborare con la scrittura aiuta a rendere tutto più chiara, a fare il punto. 🌻

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, è come una sorta di diario in cui le idee prendono posto e, in accordo con i pensieri, si rendono concrete ☺️

      Elimina
    2. ciao Giusy, piacere di seguirti anche in questo formato. In attesa della seguente pagina del diario mando un abbraccio...

      Elimina
    3. Grazie Vesna, spero di essere più costante qui nel mio vecchio blog che nel podcast 😅

      Elimina
  2. Siiiiiiii, piani di conquista del mondo 😻
    I colori dello scialle sono davvero molto delicati e piacevoli! Sarà una meraviglia!

    RispondiElimina
  3. Che bello ri-trovarti qui in questo "luogo" più appartato, più lento e meno convulso di certi altri più immediati ma, a volte troppo veloci..appunto.
    La lettura, piacevole, è durata troppo poco...
    Spero di ritrovarti qui presto, prestissimo e spesso..per ammirare i tuoi scritti e i tuoi bellissimi lavori ( che già guardo in anteprima).
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che pensavo di essermi dilungata tanto 😅

      Elimina
  4. sono felice di poterti seguire, anche qui, cara Giusy, ogni tuo video è stato per me fonte di ispirazione e continuo apprendimento, vista la precisione delle spiegazioni e e il tono calmo e piacevole, anche se i nostri obiettivi sono diversi (io da uncinettina sto cercando di conquistare il titolo di sferruzzatrice...)
    ti seguirò in questo format con piacere, poichè il lavoro a mano ha i suoi ritmi e i suoi tempi, saperli rispettare ci garantisce la libertà di creare con passione...un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Benissimo risentirci, in qualunque modo. Buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta che in un modo o nell'altro riesca a farmi ascoltare ☺️

      Elimina
  6. Non potendo rispondere ad una risposta aggiungo un commento nuovo...
    Ti sembra di esserti dilungata tanto nel blog perché siamo ormai abituati al formato del "commento", al post di Facebook che se è più lungo di 4 righe non lo legge nessuno, ma se confronti il tempo di lettura di questo post con i soliti video da almeno mezz'ora, si fa molto presto! Sembra che girare un video sia più immediato che scrivere, ma se si contano i tempi di preparazione, realizzazione e caricamento non credo che i tempi di scrittura di un post siano maggiori, anche comprendendo il tempo per lo scatto e l'editing delle foto. Certo, leggere un blog richiede più attenzione che ascoltare un podcast mentre fai altro, ma ti confesso che il vecchio mondo dei blog mi manca, ormai hanno chiuso quasi tutti quelli che seguivo.

    E comunque, di un vlog con atmosfera plumbea, sfondo di padelle e ospite in disordine non potrei pensare male, vedo certe "live" in differita che mi fan dire: "Vabbè, potevi almeno pettinarti..." eppure seguo piacevolmente perché sono interessanti o divertenti. Credo che l'estetica sia un po' sopravvalutata, o meglio, dipende da cosa vuoi comunicare. Vuoi avere un'immagine professionale, seria, di alto livello, o preferisci la comunicazione diretta che viene dal cuore anche se caciarona? O cerchi la giusta via di mezzo, senza troppa rigidità ma mantenendo una certa dignità? Francamente le soluzioni troppo "infighettate" mi piacciono poco: mi interessa quello che si dice e anche il tono in cui si parla, ma non il luogo in cui si registra (purché non ci sia troppo rumore di sottofondo).

    Ma forse alla fine ho scritto più io di te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la sintesi non è mai stata fra le tue doti migliori 😅
      Scherzi a parte, io sono sempre favorevole ad una giusta via di mezzo. Cerco sempre di mostrarmi così come sono nella vita di tutti i giorni ma cercare di rendere un video piacevole sia nei contenuti che nelle immagini per me è una forma di rispetto.

      Elimina

Posta un commento