No, non sono andata in vacanza. Magari.

No, non ho nemmeno appeso i ferri al chiodo e trovato un nuovo hobby. Giammai.

In realtà in questo lungo periodo ho lavorato a maglia – con qualche breve incursione nel crochet – come non mai, passando con disinvoltura dal cotone alla lana, seguendo i capricci del tempo ed i miei facili entusiasmi.

Ma questa casa è nemica di ogni buon fotografo, buia e inespressiva come non mai, ed ogni mio lavoro diventa anonimo e privo di grazia, una vera catastrofe.

Comunque, pur di non restare indietro con gli aggiornamenti, mi faccio forza e pubblico alcuni scatti, almeno i migliori. E ho detto tutto.

IMG_2246

Questa è l’ennesima versione del Lala’s Simple Shawl, uno scialle leggerissimo – lavorato con i ferri da 3 mm.! – che ha allietato le mie giornate estive nella bizzarra Trieste. E’ pratico perché una volta ripiegato occupa pochissimo spazio e lo si può portare sempre con sé in borsa, per ogni evenienza (supermercati polari, attacchi di bora improvvisi, attacco di timidezza) e si indossa sulle spalle o avvolto attorno al collo, secondo l’ispirazione del momento.

IMG_2251

La lavorazione è semplicissima – alternanza di legaccio e di maglia rasata con occhielli – ed è adatta anche alle principianti. Unico neo, soprattutto se usate come me un filato sottile, sarà l’indecente numero di maglie con cui avrete a che fare alla fine…quindi armatevi di pazienza e preparatevi a chiuderne più di 400! 

IMG_2254

Questo invece è il Summer Flies, visto al collo della mia sorellina e subito desiderato. La mia versione è realizzata con lo stesso cotone della tunica Tsugumi e qui probabilmente ho fatto un errore perché si tratta di un filato molto elastico che mal si presta a qualsiasi tentativo di bloccaggio da parte della sottoscritta. Però l’effetto attorno al collo è assicurato e se vi sentite osservate non preoccupatevi, sono le non-knitter che vi scrutano con invidia.

IMG_2252

Anche qui si tratta di un modello abbastanza semplice da eseguire, basta solo un po’ di attenzione nel seguire le istruzioni che sono comunque chiarissime. Unica piccola difficoltà la chiusura, il Picot Edge, ma nel pattern si trova anche il link ad un tutorial video molto chiaro…alla fine ci si diverte pure e poi l’effetto finale è molto carino.

IMG_2253

Armatevi di un numero esagerato di spilli per il bloccaggio…ve ne serviranno davvero tantissimi! 

E per concludere un maglioncino semplice, anzi semplicissimo, col collo alto a coste e in maglia rasata, realizzato manco a dirlo con la tecnica top-down. La lana è un regalo di mio marito, entrato suo malgrado nel tunnel del consorte di una LqA. L’abbiamo scelta in una delle tante bancarelle che ci sono state qui in occasione di una fiera pseudo-gastronomica….all’apparenza i gomitoli erano molto belli, sembravano sfumati uniformemente dal viola scuro al blu….invece si sono rivelati una pessima lana autorigante con pippiolini colorati.

IMG_2260

Spero che l’effetto finale, una volta indossato, sia migliore. Sicuramente però sarà molto caldo e morbido, adatto ai primi freddi e alle coccole autunnali.

Bene, torno alle mie attività compulsive. Buon weekend!