Finalmente ci siamo!

La parte che segue è sicuramente la più semplice...se siete sopravvissuti al tallone nulla potrà più fermarvi! 


Una volta terminata la modellazione del tallone possiamo risprendere a lavorare in tondo. Come potete notare però, fra la sezione anteriore della calza e quella posteriore viene a crearsi un gap, una sorta di dislivello che potrebbe creare un buco senza adottare un piccolo trucco.


Armatevi di un piccolo uncinetto e riprendete una maglia proprio dove parte anteriore e parte posteriore si uniscono. Posizionate la maglia sul ferro e lavoratela insieme alla successiva, magari con una diminuzione semplice a sinistra.


Lavorate a diritto le restanti maglie della parte anteriore ed effettuate la stessa operazione, chiudendo stavolta la maglia ripresa e la successiva insieme a diritto.


Adesso potete riprendere a lavorare tranquillamente in tondo, per il numero di giri necessari a raggiungere l'altezza che desiderate. Io ad esempio ne ho realizzati 15 trattandosi di un calzino corto.


Per il bordo generalmente si effettua una lavorazione elastica a coste: a me piace molto l'effetto che si ottiene alternando la maglia a diritto ritorto con quella a rovescio. 
Io ho lavorato tutte le 60 maglie della mia calza, ma se avete una caviglia sottile da ballerina vi consiglio di effettuare qualche diminuzione, in modo da avere una vestibilità migliore.


A questo punto non resta che effettuare una chiusura elastica. Ci sono davvero tantissimi metodi per farlo: quello che continua ad essere il mio preferito è il Jeny's Surprisingly Stretchy Bind Off.

 ...e come diciamo sempre in questo caso...tagliate il filo, fissate le codine e...la vostra prima toe-up è pronta!!! 

Corro a lavorare il secondo calzino....buon weekend!!!

Commenti