Nel frattempo...

Ecco finalmente un post "in libertà" dopo i due cicli di tutorial dedicati alle calze. Qui in Puglia siamo in pieno Autunno e le temperature sono decisamente basse (a onor del vero oggi ci sono 18 gradi e fa relativamente caldo) per cui posso dedicarmi con tutta calma al cambio stagionale dell'armadio tirando fuori il repertorio in lana dei precedenti inverni.

Mentre passo in rassegna gli scialli - che non sono mai sufficienti - e sogno meravigliosi cappelli che sulla mia testa purtroppo avranno sempre un effetto orribile, ordino tutti i miei calzini e faccio posto all'ennesimo paio: i Profumo d'Autunno sono stati disegnati per le amiche che, avendo realizzato il primo paio seguendo il tutorial, vogliono ora cimentarsi con una piccola difficoltà aggiuntiva. La treccia laterale impreziosisce le calze senza interferire con la particolarità cromatica della Drops Delight, un filato meraviglioso che si lascia lavorare davvero molto piacevolmente. Le istruzioni le trovate sul sito degli amici di dilanaedaltrestorie.it, unitamente a tutti i filati con cui è possibile realizzarle.


Nelle ultime settimane ho trovato in edicola la ristampa delle opere di Gianni Rodari, autore a cui sono particolarmente legata fin da bambina e di cui conservo ancora tanti vecchi libri. Queste in particolare sono impreziosite dalle illustrazioni di Bruno Munari, per cui non potevo assolutamente lasciarmele sfuggire, in attesa di poterle leggere insieme a Simone.

La matassa in lana naturale mi fa compagnia durante le mattinate di lavoro,  in attesa del progetto perfetto di cui avrò modo di parlare più in là.

Intanto approfondisco la conoscenza dei miei designer preferiti e scrivo articoli a quattro mani, divertendomi a cogliere tutti gli stimoli che arte ed architettura riescono a trasmettermi. E voi li avete letti? Cosa ne pensate?

Buon inizio di settimana! 

Commenti

  1. Quei calzini, con i toni autunnali, di foglie accartocciate, castagne e brace nel camino... stupendi!

    RispondiElimina
  2. Si in effetti quel filato evoca tutto ciò che di bello porta con sé l'autunno... Il profumo delle mele cotogne, delle castagne, delle giornate lievi nonostante il freddo e le nuvole nere :)

    RispondiElimina
  3. Si in effetti quel filato evoca tutto ciò che di bello porta con sé l'autunno... Il profumo delle mele cotogne, delle castagne, delle giornate lievi nonostante il freddo e le nuvole nere :)

    RispondiElimina

Posta un commento