Facciamo le calze (in) piano #1

Fin dalla prima puntata del tutorial calzifero molti mi hanno scritto dicendomi che a loro sarebbe piaciuto tanto imparare a realizzare le calze ma che con i ferri circolari - e tutto quel che ne consegue - non sono riusciti ad instaurare il feeling necessario.
Allora ho pensato di lavorare il calzino gemello con i ferri dritti ed in piano, riportando alla memoria i movimenti eleganti della nonna che, quasi come in una gioiosa danza, sagomava le sue bellissime calze per tutta la famiglia.

Questo tutorial sarà un po' più veloce del precedente visto che la lavorazione non differisce poi così tanto dal calzino spiegato in precedenza.

Innanzitutto cosa ci serve?
  1. ferri dritti con punte da 2,5 o 3 mm, dipende dalla tensione con la quale generalmente lavorate.
  2. filato per calze.
  3. un marcapunto.
  4. un ferro ausiliario, una spilla o del filo di scarto per mettere in attesa le maglie.
  5. ago da lana.
  6. un uncinetto piccolo.


Avviate 60 maglie e procedete col bordo a coste per un'altezza complessiva di 12 giri, quindi lavorate 20 ferri a maglia rasata diritta. Spezzate il filo lasciando una codina abbastanza lunga che vi servirà dopo per le cuciture.


Per la suddivisione del lavoro e la realizzazione del tallone dobbiamo adesso districarci fra ferri ausiliari e spille. Sistemate le prime 15 maglie in attesa su un ferro ausiliario, quindi riponete le successive trenta su una spilla (sono le maglie del fronte calza e ci ritorneremo più in là).


Il lavoro viene così suddiviso in tre parti ed è pronto per essere risvoltato. Io ho pasticciato un po' fra ferretti e spille - ero in fase di trasloco estivo - ma sono sicura che voi sarete decisamente più bravi ed organizzati di me.



Quindi, una volta effettuate le operazioni, il lavoro si presenta così: le 30 maglie del fronte calza in attesa su una spilla (o dove preferite)...


...e le 30 maglie del tallone disposte sul ferro e pronte per essere lavorate, così come abbiamo già fatto per il precedente calzino lavorato in tondo.

Procediamo quindi con i primi 24 ferri a maglia rasata diritta, poi effettuiamo le diminuzioni così come segue:

  1.   16 m a dir, ppdir, 1 m a dir, voltate.
  2.   passate una maglia a rov senza lavorarla, 3 m a rov, 2 m ins a rov, 1 m a rov, voltate.
  3.   passate una maglia a dir senza lavorarla, a dir fino ad una maglia prima dello spazio creato  dalla lavorazione del ferro precedente, ppdir, 1 m a dir, voltate.
  4.  passate una maglia a rov senza lavorarla, a rov fino ad una maglia prima dello spazio, 2 m ins a rov, 1 rov, voltate.
Continuate a lavorare i ferri 3 e 4 fino a quando resta da entrambi i lati un'unica maglia dopo lo spazio.
  1.   passate una maglia a dir senza lavorarla, a dir fino alle ultime 2 m del ferro, ppdir.
  2.   passate una maglia a rov senza lavorarla, a rov fino alle ultime 2 m del ferro, 2 m ins a rov. (16 m in totale sul ferro).
Per oggi ci fermiamo qui. La prossima volta procederemo con la modellazione vera e propria del tallone.
Buon weekend a tutti!


Commenti

  1. ....per calzini da neonato!!!???? Forse basta (io che aggiusto sempre )fare una proporzione alle maglie di inizio ...ai ferri di lavoro .......Brava.... brava .....Sereno week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, fai il campione, vedi quante maglie avviare e procedi, l' importante é che sia un numero pari divisibile per tre ;) se hai bisogno di una mano fammi sapere! Tiro fuori quelli preparati per Simone ;)

      Elimina
  2. Ciao scusa cosa significa ppdir?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' l'abbreviazione del termine "passa, passa, lavora insieme a diritto", l'equivalente italiano dell'inglese ssk, ed è una diminuzione semplice a sinistra :)

      Elimina

Posta un commento