Non ho nulla da tingere #2



La doppia negazione del titolo non è scritta lì per caso. Perché sebbene questa estate disperassi di farlo, in realtà questa é già la seconda volta che tingo.
Le tre matasse, in lana e seta, provengono dalle mie socie del Collettivo, Natascia e Sonia, e con esse ho avuto la possibilità di sperimentare  una "tecnica" nuova.




In realtà io continuo a muovermi da perfetta principiante, però mi piace azzardare diversi procedimenti, per cui stavolta ho immerso le matasse nel colore preparato, lasciandole in immersione fino a completo assorbimento per poi passare ad altre sfumature.




Ho completato il tutto con delle pennellate di giallo, stavolta non fatte da me ma da Simone che si aggirava curioso nei paraggi.
Solita "cottura" al sole rovente di Luglio ed ecco una delle mie nuove, splendide matasse.


Vi auguro delle splendide vacanze, io - ed il mio blog - andiamo in silenzio stampa per un po'.



Posted via Blogaway


Commenti

  1. Ohmamma quanta bellezza! Non credo tu possa definirti principiante, diciamo che lo fai per svago, senza ambizioni professionali... ma sforni delle matasse spettacolari. E stavolta i complimenti vanno anche a Simone per il tocco di giallo (ci voleva proprio!).

    RispondiElimina
  2. Boh magari proprio perché non ho l'ansia di farle conto terzi mi vengono bene :D

    RispondiElimina
  3. Colori splendidi e... non manca il tocco d'artista (in erba! )
    Buone vacanze!!

    RispondiElimina
  4. ...che colori!!! Brava...brava ...anzi bravi....bravi....e buona estate !!!

    RispondiElimina
  5. Figata! Questa è proprio fantastica, sono d'accordo con AIrali.

    RispondiElimina
  6. Non ci ho creduto un nanosecondo che tu non avessi nulla da tingere.
    Ed infatti....una abbraccio Tzu
    Susanna

    RispondiElimina

Posta un commento