Calze, ancora.




Ricordate la caciotta di lana riciclata che avevo tinto all'inizio dell' estate?
Ecco in cosa si è trasformata: l'ennesimo - vabbè, sono solo al terzo - paio di Mudéjar Socks. Calze sferruzzate con molta calma nei rari momenti liberi, anche perché il caldo di Luglio è stato veramente eccessivo e, fra un tuffo in piscina e la lana, non ho esitato a sacrificare il lavoro a maglia.
Ad ogni modo le calze sono sempre rilassanti, una sorta di mantra, e il filo scivola via fra le dita senza alcun pensiero.


Queste Mudéjar son diventate delle "gemelle diverse" perché, come temevo, la tintura del filato in forma di "caciotta" ha dato un risultato disomogeneo: più vivo e variegato nei colori all' esterno, più tenue ed opaco all' interno, laddove non sono riuscita ad applicare il liquido con l' ago o il pennello.
Ma insomma pazienza, son belle anche così.



Dopo aver pubblicato le foto su Instagram e Facebook, in tante mi avete chiesto maggiori spiegazioni sul "come fare".
Sicuramente in giro ci sono pattern o tutorial migliori del mio, ad ogni modo ho deciso di preparare una serie di post per mostrarvi come procedo generalmente.
Se vi va armatevi di ferri circolari (o gioco di ferri) con punte da mm. 2,5 o 3, scegliete un filato che vi piace, l' appuntamento è per la prima settimana di Settembre!

Commenti

  1. Belle, bellissime, sia per la sfumatura che per il disegno.
    Ciao carissima Tzu, salutiamo insieme agosto ;)
    Susanna

    RispondiElimina
  2. Ciao ciao agosto (e agito la manina), a non rivederci...almeno non prima dell' anno prossimo!

    RispondiElimina
  3. Uff, viva l'autunno e viva le calze! Bel risultato, anche nella sua disomogeneità :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai come quest'anno l' Autunno é atteso a braccia aperte!

      Elimina
  4. Se , credo mai , riuscissi a farne un paio non sarei mai capace di metterli per non sciuparli....troppo belli !!! Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che anche mia madre dice la stessa cosa ogni volta che le regalo le calze? Ma poi posso sempre rifarne un altro paio :)

      Elimina
  5. Sono molto belle, anche se i colori non sono omogenei. Mi piace il punto che hai utilizzato. E' un po' che non sferruzzo calze, mi mancano perché concordo con te, sono rilassanti e piacevoli da realizzare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro il pattern, mi ricorda tantissimo l' architettura arabo-moresca tipica della Sicilia :)

      Elimina
    2. Anch'io adoro il pattern, mi ricorda tantissimo l' architettura arabo-moresca tipica della Sicilia :)

      Elimina

Posta un commento