Himmelb(l)au Cardigan

Ideare un capo a maglia è un po' come lavorare ad un progetto architettonico, almeno per me.
Mi piace disegnarlo, scomporlo, ricomporlo, pensare che abbia un significato preciso e che ogni motivo segua una stessa linea.
Questo cardigan è nato da una texture molto semplice, realizzata attraverso l'uso di semplici maglie a diritto e a rovescio che creano un'alternanza a zig zag di triangoli opposti.
Mentre lo realizzavo ho pensato ad uno studio di progettazione che amo molto, la Coop Himmelb(l)au, i cui due architetti fondatori hanno un'originale visione-guida fondata sul concetto di Himmelblau (celeste) non come colore ma come idea di rendere con fantasia l'architettura, leggera e mutevole come le nuvole.
Leggero e mutevole come è, per me, il lavoro a maglia.


Il filato che ho adottato, il Cashmery Gold Di Mafil-Filmarket, è particolarmente adatto a questo tipo di lavorazione perché fa risaltare notevolmente la matrice geometrica del cardigan. Ed è morbido, leggero e molto caldo, perfetto per dei capi brillanti e confortevoli.


Le istruzioni per realizzarlo sono disponibili gratuitamente per tutto il mese di novembre sul sito di Crowdknitting che ringrazio per la possibilità concessami.
Inutile dire che chiunque decida di realizzarlo mi farà felicissima!
Buon inizio di settimana a tutte voi.

Commenti

  1. ma che bello !!!!! davvero splendido complimenti
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena, sono felice che ti piaccia!

      Elimina
  2. Bellissimo e come sta bene addosso a Simone, è perfetto!
    Mi piace il paragone che hai fatto tra maglia e architettura, non conosco lo studio che hai citato ma andrò a leggere qualche notizia…così avrò imparato qualcosa di nuovo anche oggi!
    Buona settimana!!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen, mi é piaciuto molto lavorare a questo cardigan, soprattutto con questo filato che é veramente rilassante.
      La Coop Himmelblau é uno studio all' avanguardia, magari realizza progetti estremi e futuristici, ma io li adoro!!!
      Un abbraccio e buona serata :-)

      Elimina
    2. Si, ho visto le immagini di alcune realizzazioni, davvero futuristiche ma affascinanti!!

      Elimina
  3. Belli i colori (ne sono due uguali solo di differente colore?!) bello il modello e il motivo, bello il pergolato e gli ulivi tutto in torno.....e soprattutto tuo figlio con il golfino indossato sembra un piccolo grande uomo .....un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Franca, in realtà il modello realizzato col filato grigio ha una taglia in più e fa parte del mio studio per realizzare modelli adattabili ad ogni età. Quel giorno in cui ho scattato le foto il tempo era ancora bellissimo e mi sono divertita a passeggiare con Simone per il vigneto dei miei genitori.
      Un caro saluto!

      Elimina
  4. Ho seguito la nascita vicino a te, ho apprezzato i wip e ho avuto l'onore di testarlo... Che altro dire?? Sferruzzatelo che è semplicemente meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisabetta carissima, condividere questo cardigan con te é stato uno dei momenti più belli della nostra meravigliosa amicizia "a distanza" :)
      Pensa se abitassimo vicine...che associazione a delinquere ;)

      Elimina
  5. il golfino è bellissimo.. ma avrei una domanda tecnica da farti...
    come posso modificare il modello per mio figlio tredicenne?
    posso moltiplicare il disegno, ok, ma per lo sprone e il giro manica?
    un consiglio?
    grazie mille, i tuoi lavori sono sempre perfetti.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Intanto ti rispondo via mail sperando che ti arrivi!
      Io per la taglia mi sono molto semplicemente basata (ed aiutata) con un maglione di Simone su cui prendere le misure.
      Per cui, una volta che hai il tuo campione di riferimento, puoi regolarti in base al maglione di tuo figlio per le dimensioni delle varie parti.
      L'unico accorgimento é quello di aumentare in proporzione anche determinati elementi, mi spiego: nella stesura del pattern ho studiato due differenti taglie, la 3 anni (pubblicata) e la 4.
      La prima ad esempio ha il modulo a zig zag su 9 m e bordi a legaccio da 5 m, la seconda modulo da 11 m e bordi da 6 m.
      Questo perché man mano che aumentano taglia e dimensioni aumentano anche le proporzioni dei triangoli che, se rimanessero troppo piccoli, sarebbero un po' leziosi.
      Cmq facciamo così, mandami le dimensioni del tuo campione di riferimento e quelle del capo da realizzare, così le studiamo insieme :)
      Buona serata!

      Elimina
  6. Nella sua semplicità il punto che hai scelto è di notevole effetto.
    Simone è proprio diventato un ometto!
    (la rima non è voluta) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero, il motivo é semplicissimo ma la sua applicazione mi ha subito affascinata. Con questo tipo di filato poi i triangoli hanno una precisione quasi stereometrica...insomma, un connubio perfetto!
      L' ometto stavolta pare abbia gradito...pfiuuuu!

      Elimina
  7. Dal momento che sai già cosa penso del tuo bellissimo cardigan, mi soffermo sulla tua presentazione del progetto. Mi piace moltissimo quello che hai scritto, il tuo concetto di lavoro a maglia si rispecchia nei tuoi modelli e per me è causa di incredibile stima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orsetta cara...non so rispondere a parole a questo bellissimo commento...facciamo che la prossima volta che ci vediamo ti stritolo in un fortissimo abbraccio? :)**

      Elimina
  8. Al di là della bellezza del tuo lavoro... sono rimasta affascinata dalla foto di Simone, meravigliosamente autunnale :D Un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei dire che "era tutto calcolato", in realtà no, fotografare Simone o almeno sperare che lui si metta in posa é quasi impossibile, perciò l'ho seguito mentre passeggiava silenzioso lungo il vialetto con la camionetta dei pompieri fra le mani :)

      Elimina
  9. Questo cardigan è bellissimo! Grazie per averlo messo a disposizione, intanto l'ho scaricato, così quando i miei cuccioli saranno un po' cresciuti, potrò mettermi all'opera! Per quanto io non sia esperta di architettura, il corso che ho frequentato all'università è stato uno dei più interessanti e piacevoli, quindi questo cardigan lo farò ancora più volentieri :)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari potresti provare con un filato più sottile, chissà! In effetti a me piacerebbe provare, anche perché quello che ho usato per il pattern é un po' troppk "sostanzioso" per i bimbi piccoli :)

      Elimina
  10. perché no! hai qualche suggerimento per il filato? ho dei gomitoli Genziana di Adriafil con cui ho già fatto due maglioncini, si lavora con i ferri 3.5-4, potrebbero andare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É un filato che non conosco, per cui il consiglio é sempre lo stesso: fai un campione del punto a zig zag e confronta la larghezza che otterresti avviando le maglie indicate nel pattern con un cardigan o maglioncino che usi. Se risulta stretto poi vediamo insieme come fare :)

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento