Imparare a negarsi

Sono un po’ svanita. E anche svaporata.

Il Natale, per come lo concepisco io, dovrebbe essere un’occasione, e non una scadenza. Purtroppo non tutti la pensano allo stesso modo, ci sono delle cose che devono essere tassativamente fatte prima di quella data, perché dopo scadono come il latte dimenticato in frigo, portandosi dietro malumori, sorrisi mancati e incomprensioni.

E tu ovviamente sei dotata di mille braccia – con relative mani – non hai bisogno di dormire la notte, non hai vita privata e il tuo lavoro lo fai per beneficenza.

Così ho deciso, il mio autoregalo quest’anno è dire no. No alla fretta, non alle richieste pressanti, non all’insistenza. No e basta.

Per donare tutta me stessa a quanto ho di più caro, per assaporare ogni istante vissuto insieme.

Vi lascio con l’immagine di questa bellissima Knitivity presa qui e vi auguro con tutto il cuore di trascorrere delle feste serene.

A presto!

Commenti

  1. ...mi sembra un'ottimo regalo, che mi sono fatta anch'io tanto tempo fa.
    All'inizio è stato un pochino faticoso...mi ci è voluto molto impegno..mi sono dovuta "rieducare"...ma è stato uno dei regali più importanti che ho fatto a me stessa.
    Un affettuoso abbraccio!!

    RispondiElimina
  2. Ohhh ma si che mi hai dato una gran bella idea cara Tzù. Veramente l'avevo da tempo nel cuore ma tu hai verbalizzato una cosa che sentivo e sento.
    Ho una gran paura di non riuscire a rieducarmi, come dice giustamente Laura.
    Giuro che ci proverò seriamente.
    Intanto mando un grandissimo abbraccio a te e Simo, cucciolo d'uomo e tantissimi auguri di Buon Natale e di un sereno Anno Nuovo a tutta la tua famiglia.
    Ciao Susanna

    RispondiElimina
  3. Dire di no generalmente è brutto ,stona ....ma la tua causa è davvero una causa giusta...ci sarebbe tutto un discorso lungo da fare.....comunque che bellissimo presepe sferruzzato!!!!!
    Auguro anche a te BUONE FESTE

    RispondiElimina
  4. Spesso è più facile dire di sì, perché non siamo costretti a prendere una posizione, a dare spiegazioni, a educare ed educarci. Ma sono i "no" (giusti) quelli che ci fanno crescere e aiutano chi ci sta attorno.
    Mi sono resa conto, passandoci in mezzo, che i nostri no possono davvero fare la differenza, che le persone intelligenti si fermano a riflettere sul perché ci neghiamo ed è possibile spezzare così dei circoli viziosi che portano solo a situazioni negative.
    Buon Natale, cara Tzu, a te e a tutti i tuoi cari.
    P.S. Non dimenticare, in futuro, questa giusta decisione e mantienila anche oltre le feste :-)

    RispondiElimina
  5. "Il Natale, per come lo concepisco io, dovrebbe essere un’occasione, e non una scadenza." E' proprio vero, non avrei saputo dirlo meglio! Grazie per averlo ricordato, tantissimi auguri a te e ai tuoi cari!

    RispondiElimina
  6. Io ho imparato a negarmi e devo dire che sto decisamente meglio, fai bene a farlo anche tu :D

    RispondiElimina
  7. Dovrei prendere esempio e imparare da queste tue parole...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina

Posta un commento