Non chiamateli solo merletti #1

Il mio approccio all’uncinetto è iniziato di pari passo a quello della maglia, nonna Veneranda ci teneva moltissimo che imparassi in egual misura tutt’e due. Io però – sbagliando – ho sempre giudicato l’uncinetto meno versatile, troppo legato a centrini, che pur adoro, e merletti, per cui non ho approfondito particolarmente la tecnica.

Però – e stavolta sono sicura di averlo già scritto, nutro una passione smodata per queste creature quasi effimere, scaturite dall’alternarsi di catenelle e maglie alte o basse e prodotte da uncinetti spesso piccolissimi che si muovono silenziosi sulle dita in una danza perenne. In parole povere farei centrini ogni giorno, ma la mia non è decisamente una casa da centrini. Detesto i ninnoli, le bomboniere, e poi ovviamente c’è Simone che spazzerebbe via tutto.

foto 01

Mesi fa, mentre preparavo i tutorial, mi sono imbattuta nel solito vecchio albo risalente agli anni cinquanta, questa volta dedicato alle bordure. Un’amica mi aveva regalato alcuni gomitoli di cotone perlè egiziano, sfumato nelle gradazioni di un unico colore, così ho voluto provare a realizzarne qualcuna per vedere l’effetto, dando un tocco di colore ad una semplice zuccheriera bianca.

Occorrente:

50 gr di cotone perlè egiziano n. 8

uncinetto da 1,50 mm

Abbreviazioni e punti usati:

cat = catenella

mb = maglia bassa

ma = maglia alta

arch = archetti

succ = successivo

volt = voltare il lavoro

gr = gruppo

prec = precedente

01

Procedimento:

Avviate 12 cat. Tornate sulla 8a contando dall'uncinetto con 1 mb, 5 cat, saltate 3 cat di base, 1 ma, 3 cat, 1ma nello stesso punto.* Volt.

02

03

3 cat (1 ma), 9 ma nel primo arco del giro prec, 1 mb nell'arco vicino 5 cat, 1 mb, nell'arch succ. Volt.

04

05

7 cat, 1 mb nel primo archetto, 5 cat, 1 ma in mezzo al gruppo di 9 ma del giro prec, 3 cat, 1 ma nello stesso punto. Volt.*

06

Rip da * a *.

Realizzate la bordura della lunghezza tale da poter cingere la zuccheriera.

foto 02

Questo tutorial fa parte della raccolta realizzata per Pianetadonna e lo trovate pubblicato anche qui.

Commenti

  1. Io ho un centrino fatto da te, bellissimo!
    Pulcetta e Simone andrebbero proprio d'amore e d'accordo. Naturalmente anche la "composizione fatata" che hai visto da me non viene di certo risposta ad altezza delle sue manine, altrimenti non la ritroverei più!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha i nostri caterpillar :)))) Niente, sono curiosi come gattini, non ce la fanno proprio a tener lontane le manine :))))
      Me lo ricordo il centrino, ero ancora a Trieste quando l'ho realizzato :)
      UN abbraccio, sempre a quattro :)

      Elimina
  2. PS: volevo scrivere "riposta"...

    RispondiElimina
  3. Bell'effetto il filo sfumato!!!! sottolinea ancora di più la particolarità...
    p. s anche io ne ho fatti tanti .....due coperte, una tovaglia e tanti bordi ma sempre e solo bianchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà io non avevo la minima idea che esistessero dei filati del genere, ne ho uno ecrù, uno rosso ed uno blu, tutti veramente molto belli. Decisamente rendono molto originali anche i centrini dal disegno più antiquato o banale :)

      Elimina
  4. Direi che fa la sua bella figura senza essere nè pesante né troppo merlettoso! ci sta proprio bene sulla zuccheriera bianca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamola tutta, il borso che ho scelto non era fra i più "pomposi" e credo sarebbe venuto bene con qualsiasi filato, però come dici tu realizzandolo col cotone sfumato è perfetto per una superficie bianca e semplice :)

      Elimina
  5. Molto affascinanti, io adoro i merletti applicati agli asciugamani di lino, se avessi tempo ne fare a bizzeffe, di tutti i colori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, non mi tentare! In passato ne ho fatti tanti per mia madre, adesso sarebbero un'utopia ma magari appena Attila si da una calmata ci riprovo :)

      Elimina
  6. ...questo tipo di cotone sfumato mi piace un sacco...il merletto lo vedo bene per le tendine che ho in mente di fare per la camera da letto...e posso dire che adoro anche il cucchiaino con quella rosellina?
    Taaaantiiiii abbracci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhhh allora spero di aver scritto bene le istruzioni!!! Cmq ci saranno altri merletti rivisitati...per cui se puoi aspettare magari i prossimi ti piacciono di più :) Quel cucchiaino è sempre appartenuto alla mia famiglia, credo facesse parte di un portaburro...
      Abbracci abbraccissimi!!!!!!!!

      Elimina
  7. E' una bella idea, anch'io preferisco la maglia, ed a dirla tutta il movimento dell'uncinetto mi risveglia un dolore al tendine, alla lunga, però ho visto dei cristalli di neve che sono splendidi, mi tentano.La tua zuccheriera così è diventata particolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io se uso l'uncinetto per troppo tempo ne risento molto al polso, oppure se uso un filato troppo spesso. Infatti vorrei fare un tappeto da gioco per Simone con magliette riciclate e sono fortemente in dubbio....

      Elimina

Posta un commento