Tingendo col sole #3

Non essendo una professionista nella tintura della lana è stato normale questa volta avventurarmi in un esperimento decisamente poco soddisfacente.

Ero incuriosita dall’uso di grossi boccacci di vetro in cui immergere la lana da tingere e impaziente di annotare gli effetti delle sostanze naturali. Il caso ha voluto che mia madre in quei giorni fosse impegnata in una delle attività che sicuramente le riesce meglio, la marmellata.

Marmellata di ciliegie, per la precisione. Il succo di questi dolcissimi frutti crea delle macchie difficilissime, se non impossibili, da eliminare. Perché non provare?

CAM00246

Dunque, ho immerso la lana naturale nel solito mordente realizzato con l’aceto ed ho utilizzato come colorante gli scarti della lavorazione della marmellata (polpa, noccioli, peduncoli, succo e…qualche vermetto!).

Ho chiuso ermeticamente il mio boccaccio e l’ho esposto in pieno sole.

CAM00250

Dopo una settimana abbondante di cottura al sole la mia lana aveva assunto un colore rosa pallido, molto molto tenue. Ho aspettato ancora qualche giorno ed alla fine questo è stato il risultato:

CAM00279 

Insomma…storco un po’ il naso. Sicuramente nulla di entusiasmante, soprattutto se paragonato alle precedenti matasse sfumate…ma magari durante la lavorazione renderà bene, e comunque vogliamo mettere la tintura assolutamente naturale?

Nel frattempo Simone, in piena fase emulativa, ha ben pensato di tingere la sua canotta bianca con l’albicocca. Noncelapossofare.

Commenti

  1. Eh già, anche Simone vuol fare il "tintoretto"..che simpatico!!
    (però la mamma forse è un po' meno contenta..) ciao!!
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Vuoi mettere che tentazione per un bambino vedere colorate magliette e pantaloni? La mia ha dieci anni e ancora mi "tinge" di tutto e di più con cioccolato, sugo, uovo, ecc. ecc. Ma non posso dirle nulla: è tutta sua madre!

    RispondiElimina
  3. Era solo il primo tentativo... e purtroppo il potere tintorio delle ciliegie vale solo per abiti, camicie e canotte quando si è a tavola ;)

    RispondiElimina
  4. Forse ci andava qualche ciliegia in più, niente noccioli e peduncoli, magari sarebbe stata più rossa. E' un tentativo, la prossima volta andrà meglio. Scommetto che la tintura fatta da Simone è risultata perfetta :)

    RispondiElimina
  5. Hi hi hi... sperimenta la madre...sperimenta il suo bimbo! Mi piacete così curiosi.
    Effettivamente risultato un pò "tanto tenue" ma tu insisterai, ne sono certa!
    Buone prove Susanna

    RispondiElimina
  6. L'esperimento di Simone sarà riuscito sicuramente...così gira il mondo!

    RispondiElimina

Posta un commento