Come Mary Poppins

Anni fa mio marito mi ha regalato un’enorme borsa di pelle blu. E dire che fino a quel momento io detestavo quel genere di borse avendo sempre indossato tracolle poco più grandi di una postina. All’epoca la immaginavo piena di gomitoli e lavori a maglia da portare in giro per Trieste, in realtà è diventata con la nascita di Simone una perfetta borsa da mamma.

970279_10151641810053415_138704927_n

Il caso ha voluto che in questi giorni sia partito il contest di Paperproject dedicato proprio alle nostre borse…e allora quale migliore occasione per sbirciare nella mia e in quella di altre mamme?

Il mio è un vero e proprio kit per la sopravvivenza quotidiana.

In alto a sinistra potete vedere salviettine per pulire le manine di Simone che ormai DEVONO toccare proprio di tutto, unitamente a biberon con acqua e biscottini – anche se in realtà lui è ghiotto di tarallini pugliesi – per gli attacchi di fame improvvisi.

A destra il mio Summer Flies per gli eccessi di vento freddo, spry antizanzare per proteggere me stessa e il mio piccolo, borsina della spesa comprata a Berlino e di cui Simone ha smarrito la custodia, portafogli trabordante di cose inutili, chiavi e la kokeshi realizzata da airali, regalo prezioso della mia CriCri.

In basso a sinistra lettore ebook per eventuali momenti di attesa, taccuino e inseparabile cellulare. Dimenticavo i fazzolettini di carta, cosa saremmo noi donne senza?

Se la mia borsa vi è piaciuta e volete votarla basta andare qui sul mio profilo instagram; inoltre vi consiglio di cercare le tag #borsadamamma, ci sono delle foto bellissime!

Commenti

  1. Che carina questa idea... io non mi ci metto neppure dal momento che giro da una vita con la valigia ah ah .... La mia borsa di solito contiene un astuccione contenente spazzola, fazzoletti, disinfettante per mani e manine, burrocacao etc... la moleskine, chiavi ufficio e casa, portafogli gigante pieno di scemate e quasi sempre vuoto di soldi (di solito ci sono più scontrini ih ih, un libro o il lettore ebook, astuccino con matite, penne e pennarelli colorati.. quando esco invece di pomeriggio con Pietro passo direttamente allo zaino in cui trasloco tutto questo più una busta con un cambio e le salviette in caso di incidenti di percorso...

    RispondiElimina
  2. Ma sai che anch'io dopo tantissimi anni ho riscoperto l'utilità dello zaino nelle trasferte casa mia - casa dei miei? Simone ormai cammina abbastanza bene ma cmq la tracolla mi è di intralcio per gli scatti in velocità e poi anche se lo riempio all'inverosimile (ultimo opsite la palla dei Barbapapà...) non mi distrugge ulteriormente la schiena :)

    RispondiElimina
  3. Negli ultimi mesi ho abbandonato le mie enormi (ma enormi!) borse per lasciarmi andare al rischio di uscire con una misera borsa a tracolla... però la bussola e il coltellino svizzero non li lascio mai a casa ;)

    RispondiElimina
  4. Bussola e coltellino svizzero??? Mumble mumble...tu mi stupisci sempre più :D

    RispondiElimina
  5. :-)
    grazie di aver partecipato!!!!

    un bacio
    Ale_la_B

    RispondiElimina

Posta un commento