Piano piano, con modestia e professionalità

"...anche nei giorni in cui arriva una cattiva notizia può accadere qualcosa di buono, e il mondo non finisce nè cambia così, da un momento all'altro..."

(Chie-chan e io, Banana Yoshimoto)


Mi sono spesso ripetuta, nei momenti di profonda tristezza, che quando il destino ti porta via un pezzetto di cuore lo fa solo per resituirtelo poco dopo in forma più grande e più bella.
Così, anche se durante l'anno appena trascorso ho lasciato dietro di me frammenti di vita, occasioni perse e persone da rottamare, Gennaio fin dai primi giorni mi ha regalato nuove mani da stringere, nuovi sorrisi da incontrare, parole ricche di dolcezza e stimoli nuovi.

Fra i vari impegni di questi giorni c'è la rinnovata collaborazione con Pianetadonna: in particolare in questo periodo stiamo sviluppando i tutorial per il prossimo San Valentino. Questo è il mio segnalibro in maglia, costruito con una successione di grandi cuori a rilievo.



Sempre in tema festa degli innamorati vi ricordo il fotocontest organizzato da Unite Contro il Cancro per il calendario del mese di Febbraio. Avete tempo fino al 20 di questo mese per inviare le vostro foto più belle. Trovate qui tutte le informazioni per partecipare, mentre se siete alla ricerca di idee da sviluppare qui trovate alcuni pattern. E mi raccomando, seguite il blog di Unite, sono in arrivo numerose novità.

Commenti

  1. ma come è bello il tuo segnalibro.. però di colore rosso non era meglio? =D
    Un abbraccio,
    Lety

    RispondiElimina
  2. Indubbiamente Lety, ma per esigenze "scenografiche" avevo bisogno di un colore più chiaro che mettesse in evidenza la lavorazione :)

    RispondiElimina
  3. Bello, e utile. Basta poco filato e smetti di litigare con te stessa ogni volta che devi momentaneamente lasciare un libro e non c'è mai, dico mai, un segnalibro... Credo che a casa mia si autodistruggano per farmi dispetto... come le penne :-(

    RispondiElimina
  4. Ho inviato anche io la foto di un mio cuoricino a Unite Contro il Cancro, un segnalibro

    RispondiElimina
  5. Un segnalibro che trasmette amore e calore... se avessi la tua arte mi farei un porta kindle... me lo ero fatto con il feltro e cucito con la lana ma fa un po' ridere.... ora mi cimenterò con la macchina da cucire...... ah ah ah... come sono ottimistaaaa!!!

    RispondiElimina
  6. @Elena: anche qui i segnalibro scompaiono misteriosamente, per lasciar spazio a scontrini, pezzi di carta anonimi e persino fili di lana. Non si può.

    @Anna: So, so :)

    @MissMeletta: due anni fa ho realizzato la mia cover per l'ereader ai ferri...in effetti sarebbe ora di fare un abitino nuovo al mio fedele amico di tante letture :)

    RispondiElimina

Posta un commento