Lo zen del pannolino

Ci sono dei giorni in cui apro la pagina virtuale del mio blog e, invece di scrivervi amenità bucoliche sulle mie giornate pugliesi, avrei voglia di riempirla di epiteti di varia entità.
Perchè quando una serie di eventi si susseguono - lutti in famiglia, abbandoni, contrarietà varie ed eventuali - non sempre è facile tirare su un bel respiro e far finta di niente. Come sempre accuso il colpo, elaboro il lutto - in tutte le accezioni del termine - mi rialzo e riprendo la mia vita come sempre, con qualche consapevolezza in più e molte certezze in meno.

E se proprio non ce la faccio a fermare le dita e son sul punto di esplodere mi basta cambiare il pannolino a Simone - o prendere un buon caffè - per ridimensionare molto la gravità di certi eventi. E' lo zen del pannolino, come lo ha ribbattezzato la mia cara try2knit.

A proposito di Ciami, il libro "23 progetti di maglia e uncinetto per la lotta contro il cancro", nato da una sua geniale intuizione, continua inarrestabile il suo cammino, e dopo le giornate di Bergamo-Creattiva verrà presentato a Bruxelles, in collaborazione con La Vita è Belga e Stitch 'n Bitch Bruxelles . Inoltre, a partire dal 16 novembre, è possibile sferruzzare tutte insieme uno scialle per Natale. Anche se non siete di Milano - come me - potete farlo comodamente a casa vostra, magari condividendo impressioni, consigli e chiacchiere varie.







Commenti

  1. Il momento zen è fondamentale, per me in questo periodo si tratta soprattutto di considerare l'ambivalenza delle situazioni della vita, il rovescio delle medaglie. Grazie per lo spunto : )
    In compenso sto considerando di fare un salto a Milano per patecipare all'evento di unite contro il cancro... non è poi così lontana, per me.

    RispondiElimina
  2. Più che l'ambivalenza delle situazioni io rilevo con tristezza quella delle persone, ma l'importante è saperlo per regolarsi di conseguenza. Piacerebbe anche a me essere a Milano :)

    RispondiElimina
  3. Il tempo è un gran dottore. :)
    (che bella lana! :*)

    RispondiElimina
  4. Lo zen del pannolino è meraviglioso. Mi devo far prestare la Mati! :D

    Bisognerebbe essere come il grande saggio di twitter. Ma noi siamo ragazze imperfette e ci accontentiamo riequilibrare le sfighe con una soave arrabbiatura, e prenderci cura di ciò che di più prezioso abbiamo.
    :*

    @Orsetto: Se vieni a Milano sarò la persona più felice della città!

    RispondiElimina
  5. Molto simpatico il tuo blog e ciò che scrivi, un grande saluto a te e il tuo piccolo. Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  6. uuuhh da qui la lana è ancora più bella! ma quei biscottini?? BUONIII!

    RispondiElimina

Posta un commento