Coprispalle in cerca di nome.

Non ho mai avuto delle braccia toniche, neanche quando ero assidua frequentatrice della palestra sotto la mia casa da universitaria. Per questo in genere indosso sempre capi con le maniche appena sopra il gomito, in modo da nascondere questo difetto che spesso mi mette a disagio.

Quest’estate, durante una mattinata di shopping furente con l’amica Tiziana, ho acquistato un bell’abitino blu, ampio e molto leggero, ideale per le temperature torride del mese di Luglio. Unico difetto: niente maniche, solo spalline. Di usare un cardigan, anche se leggero, neanche a parlarne, il caldo era veramente eccessivo. Nel frattempo osservavo lei, con lo stesso abitino blu ed una bella stola leggera di color rosso, pensando a quanto quei due colori stessero bene insieme.

Ci vorrebbe un coprispalle in cotone, magari molto traforato, leggero in tutti i sensi.

01

Ed eccola qui, la mia piccola pazzia del mese d’Agosto. Pazzia perché l’ho lavorato durante giornate in cui anche un filato come questo si appiccicava alle dita, tanto l’aria era umida ed afosa. Pazzia perché ho adattato un pattern in lace alla lavorazione topdown. Pazzia perché ad ogni giro dovevo prender nota delle modifiche che effettuavo. Pazzia perché aspettavo che Simone dormisse per cimentarmi in calcoli e schemi, pena l’annullamento di tutto il progetto.

02

Però alla fine ce l’ho fatta, ed è venuto alla luce proprio come l’avevo pensato e disegnato. Non mi resta che archiviare gli appunti e godermi lo shrug durante queste ultime giornate estive da trascorrere fra i trulli, insieme al cucciolo e al marito novello fotografo. Ci tiene che si sappia, le immagini sono sue.

03

Commenti

  1. Per-fet-to. Che ne pensi di Juno o Giuno (Giunone, famosa per le braccia bianche e tornite, probabilmente poco muscolose ma piacenti?) :-)

    RispondiElimina
  2. @Lisa: penso che mi piacciono entrambe...mi sento molto giunonica, in effetti ;)

    RispondiElimina
  3. Ma è meraviglioso! Ti sta benissimo!

    RispondiElimina
  4. E' davvero molto, molto bello. Mi piace tantissimo anche il colore. E ti sta proprio bene.
    P.S. complimenti al fotografo

    RispondiElimina
  5. Innanzitutto il rosso e il blu insieme stanno BENISSIMO!!! Scherzi calcistici a parte, il tuo lavoro mi piace molto, anch'io non amo far vedere le spalle (anche se quando fa caldo me ne infischio allegramente), perché le mie braccia sembrano due stuzzicadenti. Per questo adoro i coprispalle. Di solito ho il vizio di dare ai pattern nomi di canzoni (lo sono quasi tutti i miei), se fosse il mio, lo chiamerei Strawberry fields forever!
    E poi fai pure i complimenti al fotografo, ha lavorato bene anche lui : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @knittingbear: rosso e blu sono anche i colori del Taranto, ti capisco ;)
      Io di solito ho sempre dato il nome di un libro di Banana Yoshimoto, e in effetti c'era la copertina de "La piccola ombra" che mi ispirava...però al contempo lo trovo poco adatto per un colore così sgargiante.

      Elimina
  6. Sorellonza, sei bellissima.
    Lo shrug è stupendo e sta un incanto insieme a quell'abito; già vi vedo ad andare in giro, terzetto di fighi che non siete altro te e quei due che stanno con te.

    Mi mancate che è una cosa che non si può spiegare, spero di vedervi presto presto.
    Un bacio a entrambitrè, sorpattutto a quello che per hobby scala i divani :D

    P.s. evviva lo sbirro fotografo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @try2knit: anche tu ci manchi tanto, non vediamo l'ora di poterti portare con noi a passeggiare fra i trulli :)
      Il tipo che scavalca i divani ormai predilige la fuga dal lettino ;)

      Elimina
  7. Che bello! E' per un coprispalle come questo che vorrei tanto imparare a lavorare i ferri!! La tonalità di rosso è spettacolare e stà benissimo con il vestito blu, che tra l'altro è proprio un amore <3
    Io lo chiamerei Vulcano. Forse è poco azzeccato ma è il primo nome che mi ha suscitato. Le foto mi piacciono molto.. ed i trulli rendono ancora più bella te, il coprispalle ed il vestitino blu.. bell'acquisto il nuovo fotografo! :)

    RispondiElimina
  8. Innanzitutto complimenti al fotografo!
    E 'trullo' è il nome che darei al tuo coprispalle, ce li ho in fissa ormai e vederti dal vivo lì in mezzo è stato proprio bello:)
    E poi rosso....amo il rosso!
    Baci baci

    RispondiElimina
  9. Ti sta benissimo! Sto rivalutando il rosso e tanti altri colori ultimamente... e che dire delle foto se non complimenti al fotografo! I trulli hanno un fascino straordinario peccato il cattivo tempo e le comunicazioni traballanti ma lo sfondo ce lo siamo proprio godute! La prossima volta ti facciamo vedere il vesuvio ;)
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Amica mia se le tue pazzie danno questi risultati.... Continua e non fermarti :-)

    RispondiElimina
  11. Meraviglioso!! Anche io lo chiamerei "Trullo", in onore a quelli originali che adoro!
    Le foto sono davvero belle, complimenti!

    RispondiElimina
  12. Hai avuto un'ottima idea e chi meglio di me da Palermo può capire quanto sia importante qualcosa di traforato in estate? Io poi amo il rosso in questa stagione...lavoro perfetto, fotografo eccezionale ihih

    RispondiElimina
  13. Brava, bravissima, complimenti :) io, che di matematica non capisco un accidenti, non avrei potuto adattare un pattern come hai fatto tu. Ti ammiro molto ^.^

    RispondiElimina
  14. Bellissimo, che ne dici di "Fiamme d'agosto" un po' drammatico forse? Qui al massimo siamo pronte per "Brina d'ottobre"

    RispondiElimina
  15. Mi piace molto, anche se non amo gli shrugs in generale. Per dire la mia, Trullo gli sta benissimo, in fin dei conti ormai conosciamo queste meraviglie architettoniche anche grazie alle tue foto! Davvero complimenti, a te e al fotografo. E un bacino piccolino a Simone.

    RispondiElimina

Posta un commento