Da gustare pian piano…

Qualche tempo fa – forse un paio d’anni? – la mia amica Lilly, spulciando nella lista dei miei pattern favoriti su Ravelry, mi ha regalato lo Scabbard, un modello molto particolare da realizzare sia in versione estiva che invernale.

01

Confesso che da quando sono mamma ho sempre un po’ di ansia nell’approcciarmi ad un nuovo pattern, un po’ perché mi manca sempre il tempo per pianificare bene il lavoro, dal campione alla comprensione del testo, un po’ perché con i miei tempi biblici non so mai quando riuscirò a portare a termine il lavoro. E’ anche vero che ultimamente abbraccio la filosofia della lumaca…pian piano, con calma, eseguendo al meglio, magari ci metterò un mese in più, ma alla fine ce la farò.

03

Così ho avviato le maglie per la versione estiva, utilizzando un vecchio cotone che avevo da parte nel mio armadio dello stash. Le spiegazioni, ad un primo sguardo superficiale, possono sembrare ostiche e confuse, in realtà credo che questo sia uno dei pattern meglio scritti e disegnati che io abbia mai realizzato.

Rispetto alla versione invernale, lo Scabbard estivo ha un bel collo largo che mette in risalto collo e spalle ed ha ovviamente le maniche corte, appena sotto lo scalfo.

04 

Il tema centrale è una treccia doppia lavorata su 12 maglie che abbraccia tutto il busto, sia sulle spalle che sul davanti, modellando molto bene la linea del seno. Attraverso sapienti diminuzioni la treccia diventa poi più piccola, siamo a 6 maglie, e percorre i fianchi fino a trasformarsi ancora in doppia sul bordo.

05

La treccia piccola campeggia anche sulle manichine, sempre interessata da questa sorta di metamorfosi che dal collo la porta fino al bordo, integrandola nelle coste di finitura.

02

Sono letteralmente innamorata di questo capo. Mi ha divertito realizzarlo e, perché no, anche rilassata. Ha attraversato tutti i chilometri che separano Martina Franca da Trieste, ha vissuto il brivido nel cavo rotto nel caldo dei giardini di via Giulia, ha partecipato ad un paio di Stitch’n Spritz ed ha infine goduto delle bellezze barocche del nostro centro storico. Direi che è un capo ricco di storia.

Sicuramente da ripetere, nella sua versione invernale.

Commenti

  1. meraviglioso nella sua versione estiva...mi vien voglia di farlo proprio...io ne sono letteralmente conquistata. il mio miglior maglione dell'inverno e confermo: scritto veramente bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me t'innamorerai di questa versione...e farai innamorare tutti!

      Elimina
    2. PS: le diminuzioni sotto l'ascella non le ho fatte, avevo bisogno di ampiezza, e sui fianchi ho fatto qualche aumento in più per renderlo più morbido ;)

      Elimina
  2. La descrizione è tale... che vado a cercarmi Scabbard su Rav!!
    Davvero bello, e ti sta a pennello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che quando l'ho cominciato avevo paura che non fosse il modello adatto per le mie mutate forme, soprattutto la panza, invece mi son dovuta ricredere :) aspetto di vederlo nella tua versione!

      Elimina
  3. Mi piace moltissimo! Uno di quei capi fatti a maglia che ti fanno capire come è più bello un capo realizzato con cura di uno comprato e assemblato in maniera industriale. E ti sta proprio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Ed è disegnato con tanta cura, mi piace pensare che dietro ci siano un sacco di calcoli e di schemi per la metamorfosi della treccia :)

      Elimina
  4. Senza parole...E' bellissimo!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Dopo la delusione dello sficardigan sono molto contenta anch'io :)

      Elimina
  5. E' venuto benissimo e la tua esecuz<ione è stata molto meticolosa... piano piano ma bene bene, direi!!! E' venuta voglia di farlo anche a me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi farlo, ti starà benissimo :)
      ps: ecco un altro marito fotografo ;)

      Elimina
  6. E' bellissimo e ti sta d'incanto, complimenti!!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @bilibina: grazie Carmen, sei gentilissima :)

      Elimina
  7. Eccolo finalmente realizzato in tutta la sua bellezza!! Ti sta d'incanto e tu sei in ottima forma!!!
    Ora sono curiosa di vederlo nella versione invernale

    Bacioni e coccole al piccolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Abc-hobby: il trucco per sembrare in forma c'è, basta non farsi fotografare di profilo ;)
      un abbraccio amica mia!

      Elimina
  8. E' spettacolare e ti sta d'incanto!!

    RispondiElimina
  9. E' davvero un modello bellissimo! Ben fatto, visto così è perfetto! Tra l'altro ti sta molto bene.
    P.S. Dov'è che sono le tue forme cambiate? Avresti dovuto vedere me dopo i parti :-( (non che ora sia un filo, vero?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @elena: ribadisco, gran parte del merito è di chi ha ideato e scritto questo pattern, non c'è nulla lasciato al caso.
      Purtroppo i fianchi sono rimasti larghi e la pancetta non mi ha abbandonata, ma pazienza, è il bello di essere mamme no? :)

      Elimina
  10. Brava, bravissima, complimenti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Laura: grazie mille, guarda che poi tocca a te farlo!

      Elimina
  11. o.O!!

    E' stupendo.. davvero una meraviglia..
    e ti stà un amore!

    Sono stata a contemplare la treccia che percore il fianco per un quarto d'ora! BELLISSIMAA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @CriCri: io sono rimasta piacevolmente stupita del fatto che il pattern ponesse tanta attenzione alla zona dello scalfo, generalmente nascosta dal braccio quando è giù, e più guardo quel particolare più sono orgogliosa :)

      Elimina
  12. E' veramente carino e non vedo l'ora di ammirare la versione invernale. Hai già pensato al colore?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Simona: sinceramente no, di sicuro però dovrà essere sui toni chiari, in modo da mettere in risalto la lavorazione :)

      Elimina
  13. ma che bello!!! io adoro le trecce e queste da grandi a piccole e viceversa sono proprio particolari.
    La tua realizzazione è impeccabile e apprezzo tanto anche il colore che hai usato.. che dire? in una parola MERAVIGLIOSO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Lety: per le amanti delle trecce lo Scabbard è un tripudio!

      Elimina
  14. Purtroppo per una incompatibilità fra modalità di visualizzazione dal pc e quella dal cellulare ho fatto un po' di confusione nel rispondere ai commenti...cercherò di rimediare :)

    RispondiElimina
  15. Veramente un modello brillante, il modo in cui le trecce disegnano il sottomanica e il fianco... Una goduria! Mi piace molto anche il materiale che hai scelto, e il colore, mia sorella mi rimprovera per l'uso eccessivo che faccio dei toni naturali!

    Un brava per le scelte, uno per l'esecuzione e uno per la costanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @knittingbear: grazie di cuore :) io penso che questo modello debba essere necessariamente realizzato in toni neutri...però non ho spulciato la gallery, potrei essere smentita!

      Elimina
  16. per realizzarlo certamente c'è tanta esperienza dietro .... bellissime le treccie... e molto impegnativo ma alla fine sta che è un incanto.
    un complimento alla pazienza e alla bravura.
    nadiab55

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @nadia: bentrovata! Grazie per tutti i complimenti :)

      Elimina
  17. grazie per avermi ringraziata ma il lavoro è davvero bello... peccato che io non abbia il tempo per realizzare simili CAPOLAVORI..... e poi, il brutto, è che non intuisco le traduzioni dall'inglese e subito mi demoralizzo, però, ti seguo sempre lo stesso.... almeno mi faccio gli occhi. alla prossima, sperando sia un lavoro sbrigativo da fare subito per l'autunno a mia figlia. a proposito ti mando il suo link, mi farebbe piacere che tu lo visitassi... chissà che non ti serva per realizzare qualche dolcezza....
    www.letortine.blogspot.com
    un bacio, nadiab55.

    RispondiElimina
  18. Bene Nadia, allora la prossima volta cercherò di darti delle indicazioni per dei lavori sempli e veloci, adatti a tua figlia :) vado a sbirciare il suo blog!

    RispondiElimina

Posta un commento