Non si vive di sola lana…forse…

Come avevo accennato nel precedente post, complici il caldo e la mia strana nausea da lana, quest’estate ho cercato di dedicarmi ad attività alternative.

Innanzitutto ho fatto buona pratica con la macchina per cucire. Nulla di particolarmente complicato, ho bordato tovaglie e creato sacchetti in stoffa per conservare la verdura in frigo, ma per una neofita come me anche rispettare la regolarità di un semplice punto dritto diventa impegnativo.

In realtà avrei voluto confezionarmi qualche semplice vestito, ma me ne è mancata la voglia ed il tempo…e dire che la mia amica Ileana mi aveva regalato un sacco di giornali ricchi di modelli semplici e veloci da realizzare.

Sfogliando fra le riviste mi è capitato fra le mani questo albo

DSCN4109_picnik

ed è stato subito amore. Ho sempre ammirato le creazioni a punto croce, ma a parte qualche breve esperimento fatto da bambina, non mi ero più cimentata con ago e cotone da ricamo. Quale migliore occasione di un bavaglino per bebè già corredato di apposita tela Aida?

DSCN3938Il primissimo che ho realizzato sotto la sapiente guida della mamma è stato questo dolce topino con salopette in jeans e barchetta a rimorchio. Ho imparato a controllare e fissare di volta in volta i fili, ottenendo un retro pulito e costituito tutto da punti belli dritti e ordinati.

Ho scoperto che ricamare mi rilassa molto e che mi entusiasma veder nascere quasi dal nulla queste piccole creature. Insomma, una sorta di rivelazione.

beaL’albo dei ricami ispirati ai personaggi di Beatrix Potter è un vero capolavoro di dolcezza, ce n’è per tutti i gusti. L’ho sfogliato in lungo e in largo, sognando di realizzare tutti gli schemi presentati…e non è detto che prima o poi non lo faccia, soprattutto perché ce ne sono anche alcuni sul tema del lavoro a maglia!

Alla fine ho deciso di ricamare questi teneri pulcini, anche perché lo spazio sul secondo bavaglino era veramente piccolo e non potevo sbizzarrirmi come avrei potuto.

DSCN3975La mia incursione nel mondo del ricamo per il momento si ferma qui, ma avendo fatto incetta di cotone da ricamo – fra merceria personale della mamma e gugliate di filo rubate alla zia – prevedo che a breve la produzione riprenderà.

Anche perché mio marito, grande appassionato di Lupo Alberto, per allietare il mio periodo di osservazione post-amniocentesi mi ha regalato questo albo…

DSCN4110…ufficialmente per contribuire al corredino dell’erede…in realtà ho il sospetto che in fondo voglia qualcosa anche per sé, tipo la tovaglietta per la prima colazione o il cuscino a forma di cuore…chi lo sa.

Per concludere vi comunico ufficialmente che il mio periodo da knit-astinenza è passato e che la strana nausea è stata quasi definitivamente sconfitta, mi attende solo la prova col famigerato gomitolo color pistacchio.

Quale miglior modo per festeggiare la guarigione se non un bel Hourglass Throw di Anne Hanson? Nella versione baby blanket, naturalmente!

Commenti

  1. meno male che è passata!!! In ogni caso ti sei "difesa" bene con il punto croce... in particolare i pulcini sono tenerissimi.

    RispondiElimina
  2. Brava, anche io, come tu sai, mi sono fatta prendere dal punto croce....sono soddisfazioni!!!

    RispondiElimina
  3. wowwwww...io con l'ago sono praticamente 'na ciofeca:)))
    adoro il topino e complimenti sei stata davvero brava...come sempre:)

    RispondiElimina
  4. grande Giusy!!! ben fatta!!
    adoro Lupo Alberto....e tuo marito è un buongustaio!!! io, se fossi in te, qualche cosina gliela farei!!! ;) se la merita per la trovata geniale!!!!
    buon proseguimento di tutto,,e baci a tutti voi!!!

    RispondiElimina
  5. bellissime creazioni...e l'album dedicato alla Potter lo voglio anche io!!! il punto croce l'ho provato l'anno scorso, ho fatto un paio di bavagline e ed ora sto finendo un babbo natale per la porta...ma altri bimbi stanno arrivando!!!! mchiara

    RispondiElimina
  6. Prima di buttarmi a capofitto nella maglia avevo ripreso col punto croce, quando aspettavo Elena, e mi piace moltissimo.
    Complimenti, i bavaglini sono adorabili!

    RispondiElimina
  7. Disegni della Potter sul lavoro a maglia? Potrei cooptare mia madre, appassionata crocettista!
    Io non ce la faccio più col tempo, ma una volta ricamavo anch'io e trovo il tuo topolino veramente molto bello : )

    RispondiElimina
  8. Cara Giusy, ma lo sai che la mia prima passione è stata il punto croce?? Ancor prima di scoprire l'uncinetto!!
    Hai ragione, il ricamo è rilassante, dà soddisfazione e soprattutto per i corredini dei bimbi ci sono schemi dolcissimi!!
    Anche lupo alberto è davvero fenomenale ed originale!
    Per Beatrix Potter spero che realizzerai qualcosa, sono troppo belle le sue illustrazioni!!
    Baci baci Cara
    Cricri

    RispondiElimina
  9. io ho avuto la fortuna di vedere il topino in anteprima ma quei pulcini quanto sono teneri?! in effetti quando ho visto l'albo di lupo alberto ho pensato che Marito lo proponesse per se stesso più che per il pargolo...haha

    RispondiElimina
  10. Complimenti, per essere i primi lavori direi che sono venuti benissimo!!
    Un bacino da Bia.

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutte per l'incoraggiamento, spero di continuare a ricamare altri bavaglini e altri lenzuolini...sono così teneri!!!

    RispondiElimina
  12. lupo alberto a punto croce??? bellissimo!! complimenti a tuo marito che ha trovato questa curiosità!!!!
    i bavaglini a punto croce sono così dolci e teneri... proprio come i piccioli bimbi che li indosseranno!!!

    baciotti e buon sferruzzamento!!!

    RispondiElimina
  13. Ciao sono Taced... complimenti per la bavaglia: è veramente simpaticissima, il topolino è il soggetto ideale per un bell'ometto!

    Buona gavidanza!
    Ciao, Taced

    RispondiElimina

Posta un commento