Il primo tepore primaverile

Domenica scorsa si è tenuta la quinta edizione dello Stitch’n Spritz! triestino. Le ore come al solito sono volate anche se, devo confessarvi, non ero molto presente essendo reduce da una nottata di viaggio pressoché insonne. Ma ciò non mi ha impedito di assolvere ai miei compiti di fotografa, di chiacchierare in inglese con Linda e di osservare personaggi bizzarri che si sono alternati in quelle tre ore. C’è chi ha tentato di commissionarci un maglione con lana atavica sulla quale chissà quante generazioni di tarme avranno banchettato, chi ha sottoposto al nostro buon cuore capi tarlati con la segreta speranza di un rammendo, e chi ha persino messo in dubbio che io potessi passare con scioltezza e disinvoltura dall’uso dei ferri dritti a quelli circolari (sgrunt!), ma tutto sommato il bello è anche questo.

In realtà questo incontro è stato molto affollato ed abbiamo conosciuto una simpatica signora che, oltre a conferire dignità a certa lana che è andata in giro quest’inverno – quella a retina, per intenderci – confezionando delle bellissime sciarpe-collane, ci ha mostrato le borse della sua ingegnosa mamma che, complice la bora, recupera i vecchi ombrelli e li trasforma in utilissimi shopper. Un’idea che le copierò sicuramente.

helmi1mv_medium2

Il modello al quale ho lavorato domenica è l’Helmi di Mari Muinonen, un delicato giacchino primaverile la cui particolarità è lo sprone con motivo a fogliette traforate, molto semplice da realizzare e di sicuro effetto.

Abbandonato il raglan, avevo davvero voglia di cimentarmi con qualcosa di nuovo. E ovviamente ho apportato le mie personali modifiche, non sia mai che seguo alla lettera un pattern! Per la scollatura ho seguito le indicazioni relative alla taglia più piccola, in modo da renderla meno profonda e più pratica, mentre, calcolando gli aumenti necessari e distribuendoli in maniera proporzionata, per il busto mi sono basata sulla taglia media, in modo da non aver quell’antipatico effetto della maglia che tira all’altezza del seno.

P3310252 

Per la mia versione ho scelto una lana sottile di un bel viola. Attualmente sono quasi arrivata al bordo inferiore, dove replicherò un paio di piccole foglie. La vera sfida saranno le maniche, voglio provare a lavorarle contemporaneamente con due ferri circolari.

Dopotutto la tecnica vale per due paia di calzini, perché per le maniche no? Vi farò sapere.

P3310257 P3310258
P3310259 P3310260

Lo scorso Stitch’n Spritz! avevo conosciuto di persona un’amica di twitter, Andrea Longo, una simpaticissima ragazzona americana che è la quintessenza della vera knitter: oltre ad essere bravissima nel lavorare a maglia, lei è una che la lana la carda, la fila e la tinge. Col gomitolino che mi aveva portato ho realizzato l’ennesimo Purse, stavolta però di dimensioni notevolmente maggiori, in grado di ospitare un ebook reader, per intenderci.

Così, se mai l’amato coniuge volesse farmene dono di uno tutto mio, avrei già la custodia pronta.

Da notare che stavolta mi sono finalmente ricordata di usare le piccole etichette confezionate in passato e mai applicate. Raffigurano la mia piccola Kitty che, anche se non più fisicamente con me, è sempre la regina incontrastata del mio cuore.

Commenti

  1. Riuscirò mai a fare delle cose così belle??? :-)

    Dirti "Brava", basterà!?!?!?!?!?!?!?!? ;-)

    Ciao, R

    RispondiElimina
  2. Belli i lavori, ma soprattutto le etichette, sono favolose!

    RispondiElimina
  3. ma quanto è bella quella etichetta, l'hai disegnata te? mi ricordo quando avevi sul blog l'immagine di un gatto che lavorava a maglia, mi piaceva da matti!^_^

    RispondiElimina
  4. Ciao Giusina!!
    Lo sprone con foglioline traforate mi piace tantissimo!!
    (sembra che ci capisco vero???:-)))
    Sà tantissimo di primavera e di prima pelle pallida e sexi mostrata al sole!!
    Come al solito lavoro super e l'etichetta è dolcissima!!!!
    Hai scritto proprio bene.. Kitty ora stà facendo le fusa su cuscinetti di nuvole insieme alla mia Tattina..
    Dolci loro..

    RispondiElimina
  5. Bella la custodia!!! Viene voglia di farne una anche a me... e non vedo l'ora di vedere la giacca, dal vivo il colore, in effetti, è molto più bello. le etichette... dolcissime, che dire altro?

    RispondiElimina
  6. Ma quelle foglioline che spuntano sono un vero amore!!
    Secondo me riuscirai anche nel realizzare le due maniche in contemporanea! d'altronde se non ci complichiamo la vita non siamo contente, o no???
    Bella la tua idea di preparare in anticipo la custodia, un velato messaggio per il proprio maritino!!!
    spero che colga il messaggio ^_^

    baciotti eli

    RispondiElimina
  7. @fiordicactus: ma certo che si, basta solo perseverare ;) e avere un po' di tempo libero per dedicarsi a ciò che ci piace.

    @knittingbear: già, a me piacciono molto, peccato le dimentichi sistematicamente :)

    @FascinationStreet: si, il disegno del micio dell'etichetta è mio, mentre quello a cui ti riferisci - che si trova ancora in basso nella colonna di destra - è una gif trovata in rete.

    @CriCri: eheheheh il famoso effetto vedo-non-vedo ;) La mia Kitty attualmente lavora all'accettazione del reparto Paradiso per Gatti...e riesce a farmi i dispetti pure da lassù :)

    @Tibisay: basta che non fai anche quella in cachemire eh!!!

    @Abc-Hobby: in realtà voglio applicare la procedura proprio per NON complicarmi la vita! Sai quanto tempo perdo a contare i giri e a controllare che le maniche siano perfettamente uguali? Invece così dovrei ottimizzare tempo e filato, sfruttandolo al massimo :)

    RispondiElimina
  8. Ma sei instancabile! Anche a me piace moltissimo il motivo a foglie, prima o poi tenterò un esperimento! Intanto buon lavoro e complimenti per le etichette

    RispondiElimina
  9. Argh! Io non ho ancora cominciato e tu hai già fatto la custiodia! Mi fai vergognare della mia lentezza. E mi sono pure messa a fare l'adrift con il 2,5, credo di avere 400 maglie adesso sui ferri! Niente, al solito sei bravissima, mi inchino e ammiro.

    RispondiElimina
  10. dolcissima kitty!!!era ora che rispolverassi l'etichetta! anch'io voglio fare un appello a Marito affinché ti compri lo stupendo oggetto del desiderio che io ho la fortuna di avere già per le mani (benedetta Inghilterra!)
    foglioline primaverili nell'aria...signora dei ferri, io la adoro!
    ps.ma perché ti lascio sempre commenti chilometrici??

    RispondiElimina
  11. Tzu.. l'etichetta come nei miei cactus! :)
    w kitty!

    RispondiElimina
  12. ahh eccola!! il cardigan verrà benissimo e con quelle foglioline è proprio fresco e frizzante, adoro poi quel colore. Il porta ipad è bellissimo, Andrea sarà felice di vedere che hai sfruttato così bene il gomitolino che ti ha portato. Ah, ti ho già detto che il Duster revisited è stupendo vero??!! non ho fatto a tempo a commentare l'altro post, questa settimana sono stata presissima e poco al pc di sera, ho ripreso a sferruzzare il mio effertless cardigan, lasciando da parte per un po' quell'altro, che dopo lo sprone mi è venuto un po' a noia, ma riprenderò, si fa un po' e un po'. Baciotti ed a presto!!!

    RispondiElimina
  13. @Anna: diciamo che ho molto tempo libero...o quasi...

    @Lisa: beh ma io sono ancora priva della materia prima, il mio ebook personale :P

    @Lilly: Forse devo decidermi a stamparne qualcuna, così devo usarla per forza :) PS: adoro i tuoi commenti chilometrici :))

    @try2knit: è vero, una faticaccia per metterli in modo decente!!!

    @Le Coccole: quel cardigan da assuefazione, mi vien voglia di farne subito un altro :) Non vedo l'ora di vedere il tuo effertless!

    RispondiElimina
  14. ogni volta che ti leggo mi sembra di averti davanti a me... come se fossimo sedute tu con i tuoi ferri ed io con i miei, l'avevo già detto? boh! mi piace molto il maglioncino (esperienza da fare, per ora ho fatto solo raglan e poco, anche perchè mi sono poco dedicata a capire le costruzioni )
    e..... bravissima questa ragazza a tingere! non ha un blog?
    ... le tue etichette sono fantastiche, la tua kitty resterà sempre con te :)
    un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento