tecniche di sopravvivenza a giornate uggiose e mobiletti antipatici

Nonostante le temperature ed il clima generale non sembrino affatto prossimi alle tipiche giornate primaverili ho deciso di archiviare definitivamente la lana e di lanciarmi in riti scaramantici per propiziarmi sua maestà il Cotone, col quale notoriamente in passato non sono andata granché d’accordo; ho dedicato perciò questa settimana ad ultimare i lavori in sospeso e a mettere in ordine gugliate di lana avanzate e ferri del mestiere.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ve li ricordate i primi tre granny’s squares che avevo cominciato a mettere insieme per comporre un nuovo allegro tappetino? Dopo tranquille serate passate a uncinettare davanti ai miei imperdibili telefilm, ecco pronta l’ennesima ventata di colore – e di calore – per esorcizzare il cupo mobiletto porta-tv, gentile omaggio della suocera, tanto pratico e capiente quanto opprimente nel suo essere totalmente nero. 

Ho dovuto ricorrere a tutta la mia fantasia nell’abbinare i colori – perché stavolta ne avevo davvero pochi a disposizione – cercando di non mettere mai troppo vicine piastrelle simili, unificando poi il tutto con un giro di lana gialla e rifinendo con un bel viola brillante. Il tappetino avrebbe avuto bisogno di una piccola stiratura, ma l’entusiasmo di averlo finalmente ultimato ha prevalso su tutto!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’altro lavoro in sospeso è frutto dell’ennesimo riciclo di un maglione acquistato tempo fa al mercatino dell’usato con l’intento di trasformarlo in un poncho, possibilmente modello shadowbox. Ma siccome ultimamente i miei polpastrelli non sono attendibili, quello che al tatto mi era sembrato un ottimo filato da lavorare agevolmente con ferri da mm. 6 si è poi rivelato piuttosto adatto ad un mm. 8, accantonando per quest’anno ogni mio progetto di realizzare finalmente questo modello.

Così è nato il secondo Credevo fosse un poncho, stavolta in versione cardigan perché di lana a disposizione ne avevo un pochino di più. Rigorosamente con metodo topdown raglan, tanto per cambiare. In attesa di fare da modella a questo capo esclusivo, vogliate gradire la sua foto in stile oggetto misterioso

OLYMPUS DIGITAL CAMERA          

Come accennavo prima, ieri ho cominciato i miei primi timidi approcci con il cotone, merito anche di un incarico affidatomi da una committente molto importante! Armata di un piccolo uncinetto e di vecchi gomitoli che conservo da quando ero teenager mi sono cimentata a realizzare foglie e fiori, secondo le chiarissime spiegazioni del favoloso  100 flowers to knit & crochet di Lesley Stanfield, un vero tripudio di forme e colori da realizzare e comporre secondo la propria creatività.

Per questo progetto ho anche richiesto la consulenza della mamma per rispolverare le nostre vecchie conoscenze in materia di tricotin e caterinetta. Al prossimo post per gli eventuali sviluppi dell’esperimento. Buon weekend!

Commenti

  1. Che meraviglia quelle piastrelle! Hai usato tutta la tua fantasia per abbinare i colori ma devo dire che sono usciti veramente benissimo! Se sapessi usare l'uncinetto con quelle piastrelle mi farei delle babbucce. Ne ho viste su un sito, sono favolose!
    E il secondo Credevo fosse un ponchho.. non vedo l'ora di vederlo indossato! ;)

    Un bacione sorellonza

    RispondiElimina
  2. ah tripudio di colori.. a casa tua la primavera è già arrivata!! quei quadrotti mi piacciono da matti... cosi colorati... quanta pazienza a crearli e che bravura nell'abbinare i diversi colori!!

    Anche io sono curiosa di vedere il secondo credevo fosse un poncho, perchè intravedo un bel filato e indossato deve essere una meraviglia!!

    buona serata e buon fine settimana
    baciottoli eli

    RispondiElimina
  3. Buogiorno Tzugumi, ripasso da qui dopo un po'di silenzio. Il tappetino è bellissimo, hai fatto davvero un lavorone, prima o poi anche io mi vorrò cimentare con le granny square, ma mi spaventa l'idea delle cuciture da fare, sono sicura che alla quinta mollerei tutto...mi inchino alla tua costanza nel portare avanti lavori lunghi e immagino la soddisfazione dopo tutta la fatica. Ti abbraccio e buon week end:-D

    RispondiElimina
  4. Il tuo tappetino è davvero allegro e coloratissimo. Mi piace molto. Anch'io, come Bellanna, sono addirittura terrorizzata all'idea di cucirle tutte! Ma quanta pazienza! Il risultato è eccellente, però.
    Il filato del tuo credevo fosse un poncho è bellissimo. Mi piacciono molto le sfumature di colore. Aspetto di vedere il risultato finito. Buon lavoro.
    Elena

    RispondiElimina
  5. @ariarossa: Grazie-issimo!

    @try2knit: vorrà dire che quando ci vedremo ti impartirò lezioni lampo sull'uso dell'uncinetto...vedrai quanto ti divertirai ;)

    @Eli: guarda, quel nuovo tappetino ci voleva proprio, ora la mia camera è decisamente più vivace :)
    Il filato del cardigan è veramente bello, le foto non gli rendono affatto giustizia...vedrai!

    @elena bellanna: ma no, in realtà non si deve cucire nulla, i quadrati si attaccano gli uni agli altri man mano che li realizzi :)
    Sul blog di Attic24 trovate dei tutorial chiarissimi!

    RispondiElimina
  6. anch'io voglio vedere il poncho indossato!la lana sarà anche grossa ma a me piace molto l'effetto cangiante così come questo che ci mostri!faccelo vedere presto!!

    RispondiElimina
  7. meraviglioso il tuo grannysquare!complimenti!
    leucosia

    RispondiElimina
  8. @Lilly: alla prima giornata di sole mi faccio fotografare dalla mia fotografa ufficiale ;) Sai che sto pensando di fare anch'io un bel collo ispirandomi al tuo?

    @leucosia: grazie :) ricordati che tocca anche a te farne uno!!!

    RispondiElimina
  9. Davvero bello il "tappentino", e il colore del "pensavo fosse un poncho", promette bene!:-)

    Confermo, che le babbucce fatte con le "mattonelle" sono belle e facili . . io sto preparandole per tutti i nipoti . . . in vista di farle, un po' più elaborate, per i grandi (magari come regalo di Natale);-)

    Sempre un piacere passare di qua!:-*

    Cioa, R

    RispondiElimina
  10. Da quanto non ti lascio un saluto?? Ma ti ho letta sempre, e ammirato i cappellini stupendi!!!
    Cosa sarà mai quel filato stupendo della seconda foto??
    Ti abbraccio!
    Alessia

    RispondiElimina
  11. @fiordicactus: ne ho viste anch'io di molto belle, solo che mi sono sempre chiesta come si conviva con la polvere sul pavimento poi ;)

    @Alessia: ma non è mica da tanto, ricordi che mi avevi già fatto i complimenti per i cappellini? Un bacio :)

    RispondiElimina

Posta un commento