piccoli cactus crescono

Ora che è finalmente giunto a destinazione sano e salvo posso mostrarvi quello che la mia amica try2knit (nonché collega e sorellonza) mi ha commissionato per una ricorrenza importante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Trattasi di una famiglia di cactacee dalle forme diverse: una tondeggiante con delle piccole escrescenze (chissà, magari un giorno nasceranno altre due piccole succulente!) ed un fiorellino rosso; una stretta e lunga, semplice ed essenziale nei suoi fiori gialli, ed infine una più piccola dagli acufeni verdi. Il tutto ovviamente realizzato in lana ed ovatta per il riempimento.

Poiché ho utilizzato dell’argilla espansa per simulare il terriccio vero e proprio, ho pensato di montare l’allegra famigliola su un cuscinetto marrone realizzato con del particolare tessuto-non tessuto adottato dal mio fioraio per confezionare le sue composizioni, così loro stanno in ordine e l’effetto generale è più pulito e gradevole.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ovviamente mi sono divertita anche qui con le etichette, sistemando il logo piccolo su una delle cactacee e cucendo quello esteso sul fondo del cuscinetto.

In attesa di vedere le mie piccole creature nella loro collocazione definitiva, mi tocca pagare ancora una volta lo sfruttamento dell’immagine di Kitty con una penale in croccantini…la mia, ahimè, è una gatta irremovibile in fatto di cibo!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel frattempo, dopo aver cominciato le maniche al cardigan per mio marito, ho deciso che no, proprio non mi convinceva, ed ho ricominciato tutto da capo. Armata di carta e penna (per un paio di calcoli alchimistici…) e dell’ultimo gomitolo rimasto, ho messo su le maglie necessarie per il topdown e dopo solo un giorno sono già a metà torace, sintomo che quando le cose soddisfano il lavoro scorre veloce e piacevole. Manco a dirlo, dopo averglielo provato, il cardigan cade a pennello. Ancora non ho ben capito perché, dopo aver decantato tanto i vantaggi della lavorazione senza cuciture, avessi poi intrapreso la strada tradizionale, procurandomi pure un bel mal di schiena dopo il pomeriggio passato a cucire a punto maglia le spalline.

L’importante è riprendere il controllo di sé, anche dopo queste masochistiche idee!

Commenti

  1. presto le cactacee (gente.. approfittatene perché portano tanta fortuna!) saranno postate nella loro posizione definitiva, nel posto d'onore dell'Innovatedesign...
    Grazie grazie grazie grazie grazie grazie grazie grazie grazie grazie.
    P.s. ma chi sei il topdown più veloce del west? ;)

    RispondiElimina
  2. Stupendi questi cactini... per me l'ideale perchè non ho il pollice verde!!!

    RispondiElimina
  3. mi associo alla socia!!! grazie grazie grazie, sono splendide e, sopratutto, hanno portato bene :) cosa di un certo rilievo di questi tempi.

    RispondiElimina
  4. Che belle che sono, forse le uniche piante che sopravviverebbero al mio pollice nero:-(
    La tua ultima frase "l'importante è riprendere il controllo di sè" me la appunto e la appendo sul mio tavolo da lavoro...chissà che non sortisca effetti benefici anche su di me:-D
    Buona serata e buon sferruzzamento.

    RispondiElimina
  5. Sono deliziosi!!!!! L'etichetta, poi, è troppo carina... merito anche ella regale modella ;) Giusto pagarle il... copyright!!!

    RispondiElimina
  6. bellissimi questi cactus!
    un'idea fantastica...complimenti

    RispondiElimina
  7. bellissimi questi cactus!
    un'idea fantastica...complimenti

    RispondiElimina
  8. Sono davvero deliziosi!
    Complimenti davvero!
    Un abbraccio
    Vale

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. @try2knit: ah si? hanno dei poteri taumaturgici??? vedrò di completare il mio allora, hai visto mai che mi porti fortuna!
    PS: svelo il segreto, sto lavorando con i ferri da 7 mm....cresce che è na bellezza.

    @Tibisay: io ho cominciato a farli per lo stesso motivo, a me muoiono anche le piante grasse!!!

    @something2knit: sono contenta che vi siano piaciute :)))

    @bellanna: anche tu col pollice nero? che guaio -__- Fammi sapere se la frase sortisce un qualche influsso benefico ;)

    @Simona: la regale modella si gongola e chiede maggiore razione di croccantini!

    @madebykate e Valentina: grazie :)

    RispondiElimina
  11. Ho fatto qualche pasticcio con il commento precedente (che ho cancellato). Quello che volevo dire lì te lo dico qui: questi cactus sono adorabili! Io ne ho tanti veri e qualcuno finto (per la precisione ho delle candele a forma di pianta grassa) e questa potrebbe essere un'idea per arricchire la collezione ... ;-)
    Bravissima!
    Vannalisa

    RispondiElimina
  12. @mèli-mèlo: ehehhe non ti preoccupare :) anche io adoro le piante grasse, ne ho viste anche di splendide in ceramica, dai colori nitidissimi. Però, visto che non sempre sono capace di curarle, mi piace averne anche in lana, per un tocco di allegria in più :)

    RispondiElimina
  13. nn so se quest'estate hai avuto occasione di vedere la mia collezione di piante grasse, purtroppe on il freddo che ha fatto quest'inverno mi sa che qualcuna l'ho persa.
    le tue, nn hannno problemi di gelo!!! sono belle calde!
    brava come sempre.
    ciao
    Graziella

    RispondiElimina
  14. Bellissima idea !! Perchè non ci ho pensato io??? XD XD XD
    Mi piace come usi l'uncinetto! Io ad esempio uso il rovescio come parte esterna!

    RispondiElimina
  15. wow.. che dire dei cactus??? che bello vederli dopo averne tanto sentito parlare!! li trovo deliziosi!!! e le etichette sono un incanto!!!!

    No.... hai dovuto rifare il maglione??? Io odio dover disfare e rifare, però quando non mi convincono non posso fare altro!!
    Sono curiosissima di vedere il maglione, deve essere una meraviglia!!!

    bacioni eli

    RispondiElimina
  16. Sai che i tuoi cactus sono proprio bellissimi? Complimenti.
    Sono passata di qui per caso, venendo da non so più dove, ed è stato un bell'arrivo...
    Ti ho inserita nel mio blog tra quelli che seguo perché i tuoi lavori sono proprio belli.
    Ho intenzione di imparare la tecnica topdown, aspetto un libro che dovrebbe "illuminarmi".
    Speriamo bene. Caso mai ti chiedo aiuto, eh? :-)
    Ciao Elena

    RispondiElimina
  17. meno male che questi cactus non pungono così li si può pure accarezzare piacevolmente!
    Devi avere un super coraggio a sfilare un maglione già a buon punto... io non ce la farei mai!!! ;P

    RispondiElimina
  18. @LETY... sono morbidissimissimi!!! E fortunosi sisisi! Mi sa che li farò accarezzare a chi viene in pellegrinaggio in studio!

    RispondiElimina
  19. Che bello il tuo blog, così ricco di idee e creazioni a maglia!
    Brava!
    Credo che passerò più spesso da queste parti.
    Intanto ti clicco nei blogs da seguire.

    Ciao
    Giuliana

    RispondiElimina
  20. @Certain Creatures: sono contenta che ti piacciono :)))

    @GraGra: no, non credo di averle viste, ma spulcerò per bene il tuo blog alla loro ricerca :) A me spesso piace confondere i cactus di lana fra quelli veri ;)

    @rainbowproject: perchè tu fai delle cose infinitamente più complicate!!!

    @AbcHobby: oggi ho usato per la prima volta la macchina per cucire, confido di perfezionare le mie etichette! Il maglione è peggio della tela di Penelope, ma fra me che sono pignola e il marito che è molto esigente...immagina tu!

    @elena: grazie per i complimenti e per il topdown chiedi pure quel che vuoi, non sono espertissima ma magari in due si riesce meglio :)

    @Lety: in effetti sono morbidi, lana+ovatta sono un'accoppiata vincente!

    @try2knit: trattasi di rara spece di cactus taumaturgico....

    @La stanza di Miss Lizzie: grazie per il complimenti :) ricambio con piacere!

    RispondiElimina
  21. Grazie per essere passata e per aver apprezzato i miei bijoux. In effetti quella degli swarovski è la mia prima passione, ma devo dire che anche maglia, ricamo e cucito non sono da meno... Avrei bisogno di 5 paia di mani, occhi migliori di quelli che ho, e giornate di 48 ore, per realizzare tutto quello che ho in mente. Ma va beh! mi accontento... (come disse la volpe che non arrivava all'uva...).
    Appena mi arriva il libro sul topdown cercherò di tradurlo e poi, sta' sicura, mi rifarò sentire...
    A presto.
    Elena

    RispondiElimina
  22. semplicemente fantastici i tuoi cactus..già me ne ero innamorata guardando i primi...ora questi così curati nei dettagli più le etichette di kitty...sono strepitosi!e sul davanzale della nostra amica fanno più figura di quelli veri che ci stanno accanto!

    RispondiElimina
  23. @elena: dovremmo essere delle piccole dee dalle cento braccia insomma :) vada per il topdown!

    @Lilly: in effetti quello che mi diverte è proprio vederli insieme agli altri, i presunti veri!!!

    RispondiElimina
  24. How beautiful is this! My husband would love a crocheted version like this one. He/ we loves plants. Cacti would be a good idea.

    RispondiElimina
  25. I'm agree, you'll see that your husband will love your crochet cacti!!!

    RispondiElimina
  26. Posso rubare una foto e parlarne da me??? :-)

    E poi, domani vado a cercare fra gli avanzi una lana adatta e ci provo! ;-)

    Ciao, R

    RispondiElimina
  27. @Fiordicactus: siiiiiii, sono curiosissima di vedere il tuo cactus!!! :)

    RispondiElimina

Posta un commento